Cerca

Ricetta anti crisi della Chiesa "Cerchi lavoro? Fatti prete"

L'iniziativa promossa dalla Conferenza Episcopale Spagnola. "Non ti prometto un grande stipendio ma un lavoro fisso sì"

Ricetta anti crisi della Chiesa "Cerchi lavoro? Fatti prete"

Sei disoccupato e hai un disperato bisogno di trovare un lavoro? Fatti prete. Non si tratta di uno scherzo, bensì della curiosa campagna "ti prometto una vita appassionante" organizzata dalla Conferenza Episcopale Spagnola" (CEE) per reperire nuovi preti. L'iniziativa è accompagnata da un video in cui si illustrano i motivi per cui un giovane debba indossare il saio. "Non ti prometto un gran stipendio - recita lo slogan - Ma ti prometto un lavoro fisso". La disoccupazione in Spagna è una piaga nazionale . L'Ocse ha rivelato che il numero dei disoccupati nel Paese iberico ha toccato quota 23,3%,, quasi  il triplo della media Ue che si attesta all'8,2%. I giovani faticano a trovare un impiego e molti di loro hanno deciso di emigrare negli altri paesi europei. Il video slogan della CEE sta spopolando sul web e risponde anche ad una crisi delle vocazioni nella penisola iberica.

                                              Guarda il video su LiberoTv: Lo spot della Chiesa spagnola: "Cerchi lavoro? Fatti prete"

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nicola.guastamacchiatin.it

    16 Marzo 2012 - 22:10

    Anche Papa Giovanni Roncalli, pargolo di una nidiata di fratelli, sembra una decina, previo accordo con il Parroco, in famiglia, si scelse che sarebbe stato accettato nel seminario e iniziò il suo cammino verso il sacerdozio incamminando verso un treno con le scarpebuone attaccate al collo;tutto il resro è storia. Ebbi molti amici, che non potendo andare a scuola, pue essendo bravi, i familiari ,attraverso l'interessamento della Chiesa,furono inviati alle relative scuole di seminaristi. Alla mia epoca, moltissimi figli di contadini e povera trovarono il loro futuro tra i sacerdoti e molti furono degli ottimi sacerdoti. La Chiesa, vista con l'ottica di uno storico sociale, nel suo millenario cammino, dalla Palestina e in tutti i Paesi del Mediterraneo ha rappresentato e rappresenta ancora l'animo delle genti di questa cultura mediterranea che ha portato eporta luce nel mondo ontero. E' vero che ci sono molte cose che vanno discusse ma una tale organizzazione umanitaria è rara.

    Report

    Rispondi

  • bellissimo

    16 Marzo 2012 - 10:10

    Già , ma i soldi degli stipendi ? E' notorio che la chiesa è povera in canna.Dalle offerte no perchè sono spiccioli , dall'ottopermille no perche sono entrate che servono alla chiesa per "sopravvivere",forse da aiuti statali ?Ecco che il cerchio si è chiuso.Pagano sempre i cittadini.

    Report

    Rispondi

  • miradapositiva

    16 Marzo 2012 - 09:09

    Un lavoro a tempo indeterminato pagato dalle tasse dei cittadini che lavorano! e dai regimi fiscali di favore che sia Italia che Spagna riservano alle attività economiche della Chiesa. Ma io darei un consiglio anche a chi vuole compiere reati: farsi assumere direttamente alle dipendenze dello Stato del Vaticano. Il concordato impedisce infatti alla magistratura italiana di perseguire reati compiuti da dipendenti della Santa Sede!

    Report

    Rispondi

blog