Cerca

I marò sono stati incastrati Sospetti sul capitano

Secondo The Hindu l'ufficiale avrebbe scaricato i nostri soldati per "liberare" la nave. Loro avrebbero sparato senza consultarlo

 I marò sono stati incastrati Sospetti sul capitano

Prosegue l'odissea dei nostri due marò imprigionati in India. E sulla vicenda un giornale locale allunga un'ombra sinistra. Ad avanzare il sospetto è The Hindu, che spiega come l'inchiesta avrebbe provato che gli spari contro i pescatori sarebbero stati inutili. Il nodo è: chi ha ordinato di sparare? Secondo il giornale è passata la versione secondo la quale i soldati avrebbero aperto il fuoco senza consultare il comandante. Quindi, secondo The Hindu, è più che legittimo il sospetto che il comandante della nave avrebbe potuto incastrare i nostri marò per poter ripartire.

 

Tutti i dettagli sul retroscena su Libero in edicola oggi, mercoledì 21 marzo



 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sbeko

    21 Marzo 2012 - 23:11

    si,ma anche loro,andare in giro x il mondo con una nave targata napoli. e che cazzo !

    Report

    Rispondi

  • minimo

    21 Marzo 2012 - 21:09

    Gli indiani vogliono incastrare sia i militari che il comandante. Il loro discorso è questo: se il comandante si difenderà e dirà che in effetti lui non ha dato l'ordine di sparare, allora si ha la certezza che i militari hanno sparato e sono colpevoli. Il protocollo del servizio sulle navi era che i militari potevano, senza alcuna consultazione, difendere la nave e non dipendevano dal comandante. Il giornale indiano sta ciurlando nel manico per ottenere una prova, anche se indiretta, della colpevolezza dei nostri militari. E vendere tante copie a poche rupie.

    Report

    Rispondi

  • toton66

    21 Marzo 2012 - 18:06

    Tutto ciò, è frutto di anni ed anni di governi deboli nei rapporti internazionali. Per cui le sterili pressionni del governo attuale, impegnato ad altro ( sto cercando di capire a che cosa), non hanno ottenuto niente di niente. L'unica certezza è , che due nostri connazionli di cui ne vado fiero, sono tenuti sotto sequestro in una nazione lontana. RIPORTATELI A CASA...................................

    Report

    Rispondi

  • granchiorossonero

    21 Marzo 2012 - 11:11

    Purtroppo ,la sensazione che i due soldati siano sempre piu' abbandonati a loro stessi e' sempre piu' evidente.Ma la cosa inquietante e' il fatto che, se disgraziatamente ,un qualunque nostro cittadino corra dei rischi all'estero , il nostro ordinamento lo lascerebbe marcire.Ricordo un programma televisivo dove elencavano tutti gli italiani dimenticati nelle carceri in Paesi retrogradi e primitivi dove il concetto giuridico e ' tribale.Ma l'ingegnere Lamolinara non vi dice niente? Fosse stato per il nostro governo sarebbe rimasto in Africa per il resto dei suoi giorni.Almeno gli inglesi hanno provato a far qualcosa. Purtroppo si e' scatenato un conflitto a fuoco con i primitivi e abbiamo perso un valido concittadino .

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog