Cerca

Afghanistan, blitz talebano Morto un soldato italiano

Assalto a colpi di mortaio in una base del Gulistan contro i bersaglieri: la vittima è il sergente Michele Silvestri, 33 anni. Altri cinque feriti

Afghanistan, blitz talebano Morto un soldato italiano

Un militare italiano, il sergente Michele Silvestri, 33 anni, di Napoli, è rimasto ucciso e altri cinque feriti in seguito a un attacco talebano in una base militare nel Gulistan, in Afghanistan. L'agguato alla FOB (Forward Operative Base) "ICE" contro il contingente italiano dei bersaglieri assegnato alla Task-Force South-East è avvenuto a colpi di mortaio, intorno alle 18 circa (in Italia le 14.30). Silvestri era sposato e appartenente al Reggimento Genio Guastatori di Caserta. Dei 5 feriti, uno è stato stabilizzato, due hanno riportato ferite superficiali e un quarto ha riportato ferite leggere per le quali è stato curato in loco. Tutti gli altri sono stati trasportati all'ospedale da campo americano di Delaram nell'area di responsabilità del Regional Command South West. Tre dei cinque militari italiani feriti appartengono al Primo Reggimento Bersaglieri di Cosenza. Nella base italiana in Afghanistan assaltata dai talebani ci sarebbero in servizio diversi militari del Reggimento cosentino.

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • franziscus

    26 Marzo 2012 - 19:07

    inutile sacrificare la meglio gioventù per portare la democrazia a questi barbari islamici ignoranti. Le bestie sono più intelligenti di loro. E già che ci siamo buttiamo fuori a calci in culo tutti gli schifosi beduini che ospitiamo a casa nostra

    Report

    Rispondi

  • Satanasso

    25 Marzo 2012 - 11:11

    Pretendere che gli arabo-islamici capiscano i valori della Democrazia,è come pretendere di far discutere il teorema di Pitagora ad una scimmia andropomorfa...Perchè non si accetta il fatto che sono una cultura inferiore e primitiva e basta ? Con loro possiamo avere solo scambi commerciali...ma oltre quello STOP. Noi a casa nostra,e loro idem !

    Report

    Rispondi

  • lepanto1571

    25 Marzo 2012 - 10:10

    Tutto quello che è sta fatto sinora, perfino il sacrificio dei nostri soldati, risulterà vano in quanto, subito dopo la fine dell'intervento alleato, i talebani si riprenderanno il potere con la violenza. Faranno elezioni falsamente democratiche, come in tutti i paesi musulmani, e noi, popoli civili, non potremo più fare niente. Non vale la pena di morire per questi barbari. Credo che ci saranno altri modi, per combatterli.

    Report

    Rispondi

  • mab

    24 Marzo 2012 - 20:08

    Per una causa di cui ancora nessuno ha capito lo scopo. Un paese di puzzolenti trogloditi che ucciderebbero anche la madre pur di perseguire un inutile credo. E poi che si talebazzino pure e se rompono i coglioni che si bombardino fino a farne piazza pulita.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog