Cerca

Siria, cessate al fuoco inutile Regime spara ancora: 3 morti

Il piano Annan non funziona: scontri e colpi di mortaio alla periferia di Damasco e a Hama, Assad non molla la presa

Siria, cessate al fuoco inutile Regime spara ancora: 3 morti

In Siria è già finito il cessate il fuoco scattato alle 6 ora locale (le 5 in Italia) secondo quanto previsto dal piano Annan dell'Onu: sarebbero tre le vittime tra gli oppositori del presidente Assad a quanto riferisce il Consiglio della Rivoluzione siriana, una delle piattaforme degli attivisti anti-regime. Secondo fonti Ansa, l'artiglieria governativa dell'esercito di Assad avrebbe violato l'accordo aprendo il fuoco con colpi di mortaio nella regione di Hama, nei pressi del castello di Madiq. Altre fonti riferiscono di bombardamenti nella regione di Zabadani a ovest di Damasco. In particolare, le fonti affermano che i carri armati dell'esercito hanno aperto il fuoco a partire da un posto di blocco alla periferia della cittadina posta tra la capitale siriana e il confine col Libano. Scontri anche nei pressi di Dayr az Zor, nell'est del Paese, dove si stavano radunando dimostranti anti-regime.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dbell56

    12 Aprile 2012 - 12:12

    E certo che non sparano piu. E a chi sparano se nelle città siriane non c'è rimasto più nessuno! Che ridere!!! Ma vaia, vaia, vaia, vaia.....................

    Report

    Rispondi

blog