Cerca

Afghanistan, 20 ore di guerra "Vendetta per Corani bruciati"

Paese sconvolto da attacchi talebani ad ambasciate e Parlamento a Kabul: 32 terroristi morti, feriti soldati e civili

4
Afghanistan, 20 ore di guerra "Vendetta per Corani bruciati"
Giornata di guerra a Kabul e in tutto l'Afghanistan: attacchi multipli e coordinati rivendicati dai talebani sono stati sferrati in tre diverse zone della capitale. "Una vendetta per gli abusi dei soldati americani", è la rivendicazione dei terroristi che fa riferimento ai Corani bruciati dall'esercito Usa lo scorso febbraio. Dopo 18 ore di battaglia, il bilancio è di 32 terroristi uccisi (14 a Kabul, 9 a Jalalabad, 3 in Paktia e 6 in Logar), mentre sono rimasti feriti 14 agenti delle forze di sicurezza afghane e nove civili. Due attentatori suicidi sono stati arrestati prima che riuscissero a farsi esplodere. Al centro dell'attacco talebano il quartiere delle ambasciate occidentali (in particolare, le sedi diplomatiche di Gran Bretagna, Giappone e Germania, colpite da un commando di insorti sul tetto di un edificio nella zona), il Parlamento, dove hanno preso le armi insieme alle forza di sicurezza afghana anche alcuni deputati a Ovest, e la vicina ambasciata russa, una base militare turca a Est. Contemporaneamente, venivano colpite anche diverse altre località del Paese: Jalalabad e il suo aeroporto, la provincia di Logar e di Paktia. In alcuni casi, gli assalitori sembra indossasseso burqa. Gli attacchi hanno preso il via quando un primo commando è riuscito a introdursi poco dopo le undici (ora italiana) di domenica all'hotel Star di Kabul, nel quartiere delle ambasciate. "E' troppo presto per poterlo dire con certezza, ma i primi   elementi di intelligence raccolti dimostrano il coinvolgimento della rete militare di Haqqani", spiegano fonti del Ministero degli Interni afghano secondo cui il loro obiettivo era quello di uccidere il vice presidente Karim Khalili.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • acstar

    16 Aprile 2012 - 09:09

    Ma che cavolo ci facciamo con quei "trogloditi" ? Ma lasciamo perdere che , sicuramente, perdermo anche la faccia ! Se vogliono oppio, che se lo caccino.........!Spendiamo soldi quando a noi, povera "italietta" "napolitana", ci servirebbero molto di più ! Il nostro "ministero per lo sviluppo economico" , dato che pssera ....va sempre bene.....lo chiamerei "ministero dello sviluppo.......comico" !

    Report

    Rispondi

  • raucher

    16 Aprile 2012 - 09:09

    Gli afgani imparino ad arrangiarsi , altrimenti si tengano i talebani se a loro piacciono tanto. Senza però poi lamentarsi e implorare aiuti.

    Report

    Rispondi

  • Franco Giunta

    16 Aprile 2012 - 09:09

    Gli americani e gli europei prima se ne vanno e meglio è. La loro presenza non fa altro che rinforzare l'antiamericanismo e le file dei Talebani. Certo poi che l'imbecillità degli americani (atti inqualificabili verso la sensibilità religiosa e umana degli afgani) non aiuta nessuno.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media