Cerca

Il Brasile si divide su eutanasia

per il caso di bimba idrocefala

Il Brasile si divide su eutanasia
Il caso di una bambina indigena di un anno e sei mesi, nata con una grave forma di idrocefalia, ha scatenato da qualche giorno in Brasile un serrato dibattito sull'eutanasia e lo scontro tra culture diverse: i genitori della piccola, dell'etnia yanomami, vorrebbero infatti rientrare nella foresta amazzonica dove abitano, per far morire la figlia a casa, ma la giustizia li ha bloccati, proibendo l'interruzione delle cure.
A emettere il divieto allo stop delle cure è stata Luciana Gadelha, giudice federale della corte del capoluogo amazzonico, Manaus, sottolineano oggi i media brasiliani.
Visto il quadro clinico “gravissimo” che interessa la piccola, che oltre all'idrocefalia soffre anche di tubercolosi e polmonite, i medici hanno confermato che per poter sopravvivere la bambina non può lasciare l'ospedale dove è ricoverata.
Le autorità di Manaus hanno stabilito misure di sicurezza straordinarie all'ospedale, per evitare che i familiari tentino di prelevare la bambina con la forza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog