Cerca

Riconoscimento a Baccini e a Santarelli

Solidarietà e associazionismo: dall’Argentina a Frosinone il Premio Fratellanza 2017

0
Solidarietà e associazionismo: dall’Argentina a Frosinone il Premio Fratellanza 2017

Si è svolta ieri a Frosinone la ventinovesima edizione del Premio nazionale “Fratellanza nel Mondo 2017”. La manifestazione ha scelto quest’anno la città della Ciociaria, terra cha ha dato i natali a registi ed attori come Vittorio De Sica e Nino Manfredi, ed ha espresso nel tempo iniziative di solidarietà e di valore sociale sia attraverso le istituzioni che nell’associazionismo. Il Premio nasce nel 1988 a Buenos Aires, da un’idea del cineasta Tony De Bonis, con il patrocinio del Presidente della Repubblica Argentina e del Ministero della Pubblica istruzione e negli anni è tornato in Italia, da nord a sud, e con il suo patron ha insignito del riconoscimento personalità che si sono distinte nel campo delle istituzioni, nell’economia sociale, nella medicina, nella cultura, nella politica e nel cinema.

Tra i premiati Mario Baccini, presidente dell’Ente Nazionale per il Microcredito, per i rilevanti risultati raggiunti nell’azione del microcredito come strumento anticrisi e di lotta alla povertà nel segno di una microfinanza attiva a servizio delle fasce più deboli; il questore di Frosinone di Frosinone, Filippo Santarelli, per la speciale presenza e vicinanza dimostrate verso il territorio e in tutte le iniziative di valenza sociale come “La Polizia di Stato con le donne” rivolta a tutti gli istituti scuole di ordine e grado della provincia e “Insieme per la legalità”, con il personale specializzato della polizia, per diffondere la cultura della legalità tra i più giovani, “gli italiani di domani”, come spiegato dal questore; la senatrice del Pd Maria Spilabotte per l’attenzione verso le zone del territorio del centro e della Ciociaria con maggiori difficoltà; l’imprenditore Ugo Casinelli, fondatore di un’azienda leader nel campo della tecnica e dell’innovazione ortopedica e che con lungimiranza ha creato un pilastro per le esigenze dei diversamente abili. E, ancora, il finanziere e imprenditore dell’industria alberghiera, Mario Coratti, la sceneggiatrice cinematografica Federica Paniccia, per il talento e la creatività, Mauro Caponera, primario del reparto di urologia di Frosinone, per la capacità e dedizione nella professione medica. Medaglia d’oro al professor Michele Gallucci, primario luminare nel campo dell’Urologia, e un riconoscimento al professor Riziero Fini, direttore reparto dialisi degli ospedali di Cassino, Frosinone-Alatri e Sora, consegnati dalla giuria, con il presidente Fausto Russo, il presidente “Club In” Antonino Lo Monaco e sotto la direzione generale curata da Achille Pagliuca.

La kermesse, presentata dalla conduttrice televisiva Paola Delli Colli, ha poi visto protagonisti, tra gli altri, esponenti delle amministrazioni di varie regioni come il sindaco di Pietragalla in provincia di Potenza, Nicola Sabina, artisti e musicisti come l’espressionista pittorico figurativo, Alessandro Nardone e il musicista Rai, Antonio Lauritano, il coro polifonico della città di Alvito.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media