Cerca

ACQUISIZIONI FARMACEUTICHE

I vaccini ex Sanofi Pasteur entrano
nell’ampio portfolio prodotti di MSD

0

A partire dal 1 gennaio 2017 i vaccini entrano nell’ampio portafoglio prodotti di MSD Italia: questa la principale conseguenza della conclusione della joint venture tra Sanofi Pasteur e MSD nell’area dei vaccini in Europa (SPMSD), annunciata precedentemente nel corso dell’anno. Al pari di altre 18 consociate europee, MSD Italia definirà e porterà avanti autonomamente la propria strategia nell’area dei vaccini a beneficio della salute pubblica e della creazione di valore nei confronti dei cittadini, degli operatori sanitari e degli amministratori della Sanità. MSD Italia è orgogliosa di proseguire il cammino intrapreso dalla Joint Venture SPMSD venti anni fa e di raccoglierne i successi da un punto di vista della sanità pubblica. “Siamo fermamente determinati – dichiara Nicoletta Luppi, Presidente e Amministratore Delegato di MSD Italia – a fare tutto ciò che è nelle nostre possibilità per ottimizzare, nell’ottica di una partnership chiara e trasparente, la copertura vaccinale ed aiutare a proteggere milioni di vite in Italia”. “Le nostre storie di successi nella scoperta, sviluppo, produzione e commercializzazione di vaccini – prosegue Nicoletta Luppi - rappresentano le fondamenta sulle quali costruire un futuro di salute per milioni di persone di tutte le età a livello mondiale. L’integrazione rafforzerà la nostra leadership nei vaccini e nella prevenzione delle malattie infettive: nel corso degli anni, abbiamo contribuito a prevenire malattie oggi divenute rare, come il morbillo e la parotite, o altre per le quali era impensabile pensare ad un vaccino, come l’herpes zoster o il tumore della cervice uterina”.

Per oltre 100 anni, MSD ha svolto un ruolo cruciale nella storia dei vaccini; ogni anno, MSD mette a disposizione dei cittadini di tutto il mondo oltre 150 milioni di dosi di vaccini e nei suoi laboratori di ricerca si sperimentano costantemente soluzioni innovative alle maggiori criticità di sanità pubblica globale. E’ il caso di V920, il vaccino sperimentale per Ebola che, proprio nel 2016, ha ricevuto dall’Agenzia Europea dei Medicinali lo status di Priority Medicine (PRIME). Insieme a V920, MSD ha nella sua pipeline un numero importante e promettente di molecole candidate in grado di assicurare una protezione sempre maggiore alle principali criticità di sanità pubblica. (EUGENIA SERMONTI)

                    Per maggiori informazioni, visitare i siti www.msditalia.it e www.msdsalute.it.

 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media