Cerca

Partner, sette donne su dieci lo vogliono con 20 anni in più

L'uomo maturo seduce sempre di più: "Stile di vita più sicuro, cene e weekend pagati". E dilaga la moda di "Aristofonte"

2
Partner, sette donne su dieci lo vogliono con 20 anni in più

Dopo le varie  Demi Moore che hanno voluto provare il brivido del  ragazzo più giovane, per poi pentirsene dopo,  si registra un forte ritorno della coppia apparentemente  banale (lei 20 anni, lui 40),  che si  attira spesso e volentieri  pettegolezzi e malignità, ma che ha principi e regole  da non sottovalutare.   
La fanciulla  si lascia sedurre dall’uomo  maturo con esperienza che la corteggia e la fa sentire una regina:  rose, regali e regalini,  cene e week end, tutto pagato, da lui, naturalmente. Come dire: basta con  l’imbarazzante coppia moderna che vuole dimostrare di essere emancipata soprattutto al ristorante e divide la cena fino all’ultimo centesimo.
Sorge un dubbio: non sarà che a queste nuove, si  fa per dire,   coppie (lei più giovane lui più maturo) ci siamo tornati  (anche se non erano del tutto  scomparse)  con l’aiuto  delle post femministe che hanno voluto  cancellare anni e anni di galanteria del sesso forte, che pure ci ha marciato fortemente. Non sarà  che le ventenni di oggi, più sveglie sicuramente   delle quarantenni,  hanno capito subito che aria tirava a frequentare un coetaneo (magari da mantenere) e se la sono data a gambe, scegliendo il quarantenne in carriera con l’attico in centro, l’automobile ultimo modello, status symbol,  e  i fine settimana assicurati? Se così è  in fondo a lei spetta il compito più facile. Deve semplicemente sorridere, annuire, ancheggiare  con l’abito giusto per apparire  sexy,  senza essere  volgare. E  niente discussioni. Se dovessero  capitare, lui prontamente: «Cosa vuoi saperne tu a vent’anni, lascia fare a me che ho più esperienza». Un sorriso e lei viene  rimessa in riga.
Certo  è una storia vecchia come il mondo. È ovvio che l’uomo preferisca le più giovani: già ai tempi  dell’ateniese Aristofonte, attivo in politica già intorno al 403 a.C. e famoso non solo per essersi battuto nel 346 a.C. affinché Atene non rinunciasse alle pretese su Anfipoli nella Pace di Filocrate ma anche perché amava frequentare giovanissime fanciulle.
Ma la novità è che   se prima erano soprattutto gli uomini a cercare questo tipo di relazione, oggi sono proprio le giovanissime a volere uomini molto più grandi di loro e  a prendere l’iniziativa. Qualcuno l’ha già ribattezzato il  “fenomeno Aristofonte”  creando addirittura il portale www.aristofonte.com, il primo sito web italiano,  «dedicato alle donne giovanissime in cerca di uomini sensibilmente più grandi e, naturalmente, agli uomini maturi desiderosi di trovare una ragazza ventenne di cui prendersi cura e a cui insegnare l’arte di amare».

La tendenza Aristofonte vede  il boom a Roma e Milano. Secondo un sondaggio del portale, infatti, nella fascia di età compresa tra i 18 e i 30 anni il 62 per cento delle romane e il 71 per cento delle milanesi sono disponibili a sperimentare una relazione con un uomo  maturo. Non c’entra lo stato sociale delle ragazze  o la disponibilità economica delle loro famiglie.  Il sito sta raccogliendo numerose adesioni sia tra il pubblico maschile che tra quello femminile. Sono molte infatti le ragazze che si sono registrate, soprattutto nella fascia di età compresa tra i 21 e i 28 anni (82 per cento  delle iscritte). Ma  sono molte anche nella fascia tra i 18 e i 20 anni.  «Incontrare un uomo maturo  ha i suoi vantaggi. In primo luogo, non devi preoccuparti di dover pagare una cena o aiutarlo con le  finanze», spiega Patrizia, una giovane studentessa di 22 anni che è stata tra le prime a iscriversi al portale www.aristofonte.com. «Un uomo più grande», prosegue Patrizia, «si prende cura di te e al tempo stesso è ben felice di pagare i tuoi conti e perfino le tue schede telefoniche. Si può godere di viaggi e vacanze e, se ci si dovesse anche sposare, lui potrebbe assicurare un buono stile di vita molto più facilmente di quanto possa fare uno più giovane». E poi «l’uomo maturo è più raffinato, ha viaggiato, di solito è più colto e più istruito e può parlare con te di diversi  argomenti. I miei coetanei, invece, sono interessati solo al calcio, alla televisione e ai videogiochi», conclude Patrizia che si è iscritta al sito Aristofonte perché se non si ha la stessa età è difficile incontrarsi per caso. E al caso bisogna dargli una mano.

di Daniela Mastromattei

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • RANMA

    06 Gennaio 2012 - 17:05

    GIA' CON IL PORTAFOGLIO GONFIO E LE PALLE SGONFIE.. In un'intervista al grande BEN GAZZARRA che dichiarava di avere sempre accanto donne giovani ,alla domanda dell'intervistatore che gli chiedeva un pò invidioso come facesse lui rispose candidamente : " SEMPLICE AMICO, LE PAGO..!!"

    Report

    Rispondi

  • gibuizza

    05 Gennaio 2012 - 11:11

    Siamo così sicuri che siano importanti i vent'anni di più e basta? Anche se fosse povero in canna o addirittura da mantenere? Tra vent'anni di più e 10.000 euro al mese di più cosa sceglierebbero quelle donne?

    Report

    Rispondi

media