Cerca

Faccia a faccia in tv

Hollande e Sarkozy, scontro all'italiana: parlano di Berlusconi e Monti

Domenica ballotatggio in Francia, i due candidati si beccano su Mario Monti e Cavaliere

Dibattito e siparietti

Faccia a faccia tv pre-ballottaggio tra il socialista François Hollande e il presidente francese Nicolas Sarkozy

Un faccia a faccia ad alta tensione finito in pareggio. L'ultimo confronto televisivo tra il socialista François Hollande e il presidente uscente di Francia Nicolas Sarkozy, trasmesso in diretta su France2 e Tf1 è stato caratterizzato da battibecchi e insulti incrociati. Di contenuti, in verità, pochini. E così a rimbalzare sono soprattutto i passaggi sue due italiani illustri, Mario Monti e Silvio Berlusconi. Il premier attuale viene tirato in ballo da Hollande parlando di crisi: "Mario Monti, che non ha la mia stessa sensibilità politica, è cosciente che non si può vivere in recessione - ha sottolineato il socialista che parte in leggero vantaggio nel ballottaggio di domenica -. C'è necessità di ridurre il deficit, ma sono contrario al fatto che non ci sia stata alcuna dimensione di crescita". Insomma, Sarkozy e Merkel hanno regalato alla Francia una austerity inevitabile ma a crescita zero. Se si va avanti così, si finisce nelle condizioni di Grecia, Spagna e, appunto, Italia. Il siparietto tra sublime e ridicolo è però quello riguardante Silvio Berlusconi". L'Italia è stata governata per anni da uno dei tuoi amici, Silvio Berlusconi", ha provato a buttarla in caciara il socialista. E Sarkò (che aveva criticato la Spagna socialista di Zapatero, a conferma che i due leader preferiscono parlare di tutto tranne che della Francia...) ha ribattuto stizzito: "Berlusconi non è mio amico perché ha auspicato la tua elezione". E in ogni caso, ha aggiunto il presidente, "Berlusconi è berlusconesco". Come dire: gioca in una squadra tutta sua. E quando Hollande ha provato l'ultimo affondo, ricordando che il Cavaliere è iscritto al partito popolare europeo, lo stesso di Sarkozy, monsieur le president ha tagliato corto: "Berlusconi non è nel mio partito".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • minimo

    03 Maggio 2012 - 19:07

    Due "pupazzi", autrement deux marionnettes.Poveri illusi, non sapendo che cosa dire dell'europa e mettere in evidennza i loro progetti di crescita,hanno portato il loro confronto sui livelli dei comédiens. Non c'è che dire:Il est préférable à un procureur, qui s'excuse de consterné. Tra i tre preferisco la sincerità e la spavalderia di berlusconi. Quei due sono "acrobates de la politique".

    Report

    Rispondi

  • tuccir

    03 Maggio 2012 - 19:07

    Silvio è lo zimbello d'Europa: Se penso che in Italia c'è chi lo ha votato mi viene da ridere Ah, ah, ah!

    Report

    Rispondi

  • feltroni ve le suona ancora

    03 Maggio 2012 - 19:07

    AHAHAHAH lo statista, veramente come diceva lui: "A questo G8 avrò l'onore di rappresentare degnamente il mio paese, essendo il miglior Presidente del COnsiglio da 150 anni". Che risate! E che figura di merda! Peccato che questa notizia sia così ben nascosta!

    Report

    Rispondi

  • biasini

    03 Maggio 2012 - 16:04

    Forse Hollande è al corrente che il Berlusca ha "girato" la Carlà al Sarkozy. Usato garantito!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog