Cerca

Fisco e disperazione

Il blitz alle Entate per 1000 euro
L'imprenditore rischia 8 anni

Luigi Martinelli è stato interrogato nella notte: accusato di sequestro di persona

Il blitz alle Entate per 1000 euro
L'imprenditore rischia 8 anni

 

Luigi Martinelli l'uomo che ieri, giovedì tre maggio, si è barricato nella sede delle Agenzie delle Entate di Romano di Lombardi, in provincia di Bergamo è in carcere con l'accusa di sequestro di persona.  Il sequestratore, che ora si trova nel carcere di Bergamo, è stato interrogato fino alle tre di notte e ha spiegato le ragioni che lo hanno spinto a quel gesto disperato. Dall'interrgatorio è emerso che alcuni debiti contratti dall'imprenditore negli anni passati sarebbero stati condonati e che dovesse al disco circa mille euro. Adesso rischia fino a 8 anni di carcere. Nella conferenza stampa il procuratore di Bergamo e i carabinieri hanno detto che gli ostaggi non sono mai stati veramente in pericolo. "Si tratta di un'azione di protesta", ha detto il procuratore di Bergamo Meroni che ha aggiunto: "Monti era disposto a parlare con il sequestratore"

L'ostaggio "Ho avuto paura di morire, ma soprattutto di rimanere ferito e invalido vedendo puntato contro di me  quel fucile. In quei momenti pensavo ai miei cari, ai miei genitori   anziani". Così Carmine Mormandi racconta, ai microfoni di Tgcom24, il  sequestro di cui è stato vittim. Sto bene, non ho riposato a causa della tensione accumulata",   aggiunge.    Il sequestrato, Luigi Martinelli di 54 anni, "si è accanito   contro di me, non so perchè, anche a parole - racconta l’ultimo dei 15  ostaggi liberati in serata-. Ha tenuto proprio me perchè io sono  entrato dopo l’irruzione e quando ho visto le mie colleghe   terrorizzate scappare via, io sono andato là. Appena sono arrivato  lui mi ha guardato e mi ha preso di mira senza motivo. Lui dice che   era assillato da qualcosa che non ho capito. Io ho provato a   chiedergli qualcosa e alle mie domande non ha risposto. Ha detto che   era disperato, ha più volte indicato me in quanto impiegato   dell’Agenzia delle Entrate".   

Messaggi sms  In quelle lunghe ore "ho mandato messaggi continuamente sms col   cellulare a mio nipote a alla mia compagna. Dopo mezzoretta che   inviavo e ricevevo messaggi, mi ha sequestrato il cellulare. Poi mi ha  chiesto dell’acqua e lì potevo scappare ma vicino a me c'era quel   carabiniere (il brigadiere che ha curato la trattativa, ndr) che è   stato bravissimo. Gli ha parlato cautamente, gli ha fatto raccontare   della famiglia, gli ha fatto delle battute e scherzava in dialetto".   Nonostante la presenza del militare, la paura di morire è stata   tanta. "Al brigadiere Martinelli ha spiegato che voleva le telecamere   e poi, ha spiegato che ce l’aveva con Monti. In tutto questo il   carabiniere ha continuato ha scherzare e sdrammatizzare con il   sequestratore mantenendo la calma. E’ stato bravissimo", conclude il   dipendente dell’Agenzia delle Entrate. Intanto le vedove degli imprenditori morti suicidi per le tasse chiedono ai sindaci delle targhe che li ricordino come vittime

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bellatrix

    04 Maggio 2012 - 20:08

    Ammiro questa parsona che ha avuto cotal coraggio: doveva rimanere e chiedere la presenza di Monti e Fornero in cambio degli ostaggi e poi torturarli... Ora, se è vero, si farà 8 anni x nulla... tanto valeva insisterae e fare una strage!

    Report

    Rispondi

  • pepita

    04 Maggio 2012 - 18:06

    Questo disperato rischia 8 anni di galera e gli assassini vengono condannati a 10 anni.

    Report

    Rispondi

  • albinoalbanofree

    04 Maggio 2012 - 18:06

    Monti vuol portare l'Italia in Europa? Con tasse e senza crescita economica la crisi non si risolverà affatto. Il governo Monti come tutti i governi tecnici è risultato fallimentari, l'Imu è risultato essere un ulteriore balzello. Che senso ha la sua applicazione sulla prima casa. pòoi si riempiono di tasse i cittadini. Così i consumi si ridurranno, l'economia non andrà avanti , come nei governi tecnici della Prima Repubblica e le imprese gravate da tasse rischiano di fallire. Così mi spiego il gesto estremo dell'imprenditore che tra tasse e balzelli rischia il fallimento. In questa Italia che Mmti la vuo, portare in E>uropa ma in pratica si avvicina al Sud del Mondo. Con tutto il rispetto per questi paese.

    Report

    Rispondi

  • larussa

    04 Maggio 2012 - 18:06

    La madre dell'evento è sicuramente la Lega che, quando è all'opposizione ,fa catechismo per non far pagare le tasse. I padri possono essere tanti. Il più indiziato è Grillo ( vorrei vedere se fosse lui il premier quante catastrofe ci sarebbero per tutti gli italiani, seri e meno seri). Altri possibili padri sono quelli del partito greco cioè quelli che vogliono tanto dallo stato ma non vogliono pagare le tasse, compresi certi giornali che prendono fior di contributi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog