Cerca

Orrori musicali

Cocco fresco alla polacca: l'inno di Euro 2012

Koko Koko Euro spoko: sarà l'agghiacciante colonna sonora degli Europei in Polonia e Ucraina. Dopo stadi e Tymoshenko, l'ultima papera di Uefa e Platini

Cocco fresco alla polacca: l'inno di Euro 2012

Cocco, cocco, Euro fresco. Nemmeno la fantasia malata di un venditore di cocco costretto a farsi chilometri sotto il sole di Rimini a Ferragosto avrebbe potuto dar vita a un coretto simile. Eppure, è il refrain dell'inno ufficiale di Euro 2012, almeno versante polacco. Koko, Koko, Euro spoko recita un gruppo di attempate signore dalla vocina stridula e, a naso, non rischia di diventare un tormentone tipo la mitologica Un'estate italiana, colonna sonora del giugno 1990 targata Nannini-Bennato, o la Waka-Waka con cui Shakira ha conquistato il Sudafrica mondiale e pure il cuore dello spagnolo Piqué. 

Guarda il video e ascolta la canzone Koko Koko Euro Spoko su Libero TV

Poco glamour -  Saranno gli autori del pezzo, Jarzebina, una folk band rurale lontana anni luce da palchi e stadi. Sarà il testo ben poco immaginifico (si parla di fratelli che corrono sull'erba e di palle che volano in alto: praticamente la sigla di Holly e Benji) o la lingua polacca, scorbutica e musicale quanto un gessetto sull'ardesia. Oppure gli arrangiamenti, rimasti alla Cortina di Ferro sovietica anno 1981 e con una spolverata di Eurofestival per svecchiare (!) il tutto. Sta di fatto che oltre ai problemi di organizzazione e di infrastrutture, la scelta di Michel Platini e dell'Uefa di dare fiducia al duo Polonia-Ucraina mette a rischio non solo la fiducia dei calciofili ma pure le orecchie dei semplici spettatori. Su altre questioni, tipo la situazione politica di Kiev e le violenze subite in carcere dall'oppositrice ed ex premier Julija Tymoshenko, purtroppo, c'è molto meno da ridere. Ma anche in questo caso Platini preferisce restare sordo.  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog