Cerca

Vendetta serba

Delio Rossi, il padre di Ljajic: "Lo denuncio per lesioni"

Rissa in panchina: "Nessuno può picchiare mio figlio, per fortuna non ero allo stadio"

L'accusa di Satmir Ljaijc all'ex tecnico della Fiorentina: "Diceva ad Adem 'Corri, merda, corri!'"
Delio Rossi, il padre di Ljajic: "Lo denuncio per lesioni"

Delio Rossi 'graziato' dal padre di Adem Ljajic, il giocatore della Fiorentina sostituito e aggredito dall'ormai ex tecnico viola alla mezz'ora del match contro il Novara di mercoledì sera. Oltre all'esonero da parte del club viola e alla sospensione per tre mesi comminatagli dalla Federcalcio, oggi era arrivata la minaccia di denuncia da parte di Satmir Ljajic: "Nessuno può picchiare mio figlio. Per fortuna non ero in tribuna (a Firenze, ndr), poichè non so cosa sarebbe successo", ha detto al quotidiano belgradese Alo. "Siamo letteralmente scioccati - ha aggiunto all'altro giornale Blic -. Stiamo andando a Firenze per parlare con l'avvocato. Già ora posso dire comunque che presenteremo una denuncia penale contro l'allenatore Delio Rossi", ha affermato il padre del 21enne attaccante serbo. "Quello che è accaduto è incredibile. Non so per che cosa (Rossi, ndr) si è arrabbiato tanto. Per fortuna Adem non ha reagito...". In serata poi arriva il ripensamento, reso noto da un comunicato della Fiorentina: non verrà esposta nessuna denuncia penale nei confronti di Rossi.

Gli insulti - Il signor Ljajic smentisce categoricamente che il figlio possa aver insultato in italiano il tecnico romagnolo: "Girano notizie false secondo cui Adem avrebbe bestemmiato offendendo sua madre (di Delio Rossi, ndr). Ma mio figlio non saprebbe dire in italiano parole del genere. Tutto quello che gli ha detto è stato 'bravo maestro, proprio ben fatto', accompagnandolo con un applauso". In Serbia la polemica si estende ai tifosi della Fiorentina, che avrebbero offeso Ljajic definendolo 'zingaro'. 'Vergognatevi, Italiani' è il titolo strillato del quotidiano Kurir, che apostrofa Rossi con un durissimo 'Idiota, fuori dal calcio!'. Secondo il Kurir, l'allenatore avrebbe gridato al giocatore per tutto il tempo 'Corri, merda, corri'. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • INCAZZATONERO69

    05 Maggio 2012 - 16:04

    Quelle neurologiche le ha dalla nascita, non poi dare la colpa ad altri se tuo figlio e un COGLIONE

    Report

    Rispondi

  • INCAZZATONERO69

    05 Maggio 2012 - 16:04

    Delio Rossi ha fatto un grave errore quando e sceso in panchina a prendere a pugni il ragazzo... doveva rimanere in alto, sul campo, cosi da poterlo prendere a CALCI IN BOCCA. DELIO ROSSI AL POSTO DI monti SUBITO!!!

    Report

    Rispondi

  • Alberto Mag

    05 Maggio 2012 - 14:02

    Ecco il papino dello "stronzetto" che prova a fare il furbetto. E da ciò capisci perchè il figlio è così. Fosse stato mio figlio, allo "stronzetto" avrei rifilato io ancora una dose di sberloni per "rafforzare il concetto". Ma, essendo quello che è, ha provato a pensare di spillare un po' di soldi. Poi qualcosa è intervenuto e : a) Gli avranno fatto notare che il figlio vive a Firenze, esce la sera e non è proprio uno stinco di santo e perciò è meglio lasciar stare b) Gli avranno promesso soldi sotto banco per chiudere la faccenda c) Il figlio, in un impeto d'orgoglio, gli avrà telefonato per dirgli che "sì ho proprio detto quello che viene scritto, pertanto lascia stare e anzi fatti i c... tuoi (tanto pare essere questo lo stile dello "stronzetto") d) gli avranno detto: "se vai in tribunale forse vinci qualcosa ma tuo figlio si sogna di giocare ancora nell'eldorado Italia" A voi la scelta tra le opzioni. In ogni caso talis pater....

    Report

    Rispondi

  • D.P.F.

    05 Maggio 2012 - 09:09

    Non m'intendo e non m'interesso di calcio. Il mio commento vale sull'aspetto umano/giuridico dell'avvenimento. Io, egregio Signor Rossi, prima di fare le mie scuse al giocatore, se veramente la sua furia è stata determinata da gesti o parole inconsulte di questi, le avrei subordinate alla presentazione di pentimento da parte del n. 22. dopo di ché avrei esteso il rincrescimento anche a Ljajic. C'è una cosa che si chiama provocazione e se il suo agire é stato spinto da questa allora siete ambedue biasimabili, nell'ordine progressivo degli accadimenti. Viva Fiorenza, anche se non m'importa nulla della Fiorentina o qualsiasi altra squadra di calcio.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog