Cerca

Record d'assenze a Strasburgo

per gli eurodeputati italiani

Record d'assenze a Strasburgo
 Un gran brutto risultato: tra i primi cento deputati europei più presenti al Parlamento di Strasburgo i nostri sono solo tre. E uno, in un certo senso, è "tedesco": Sepp Kusstatscher, sudtirolese, fa parte del gruppo dei Verdi e su 270 sedute plenarie se ne è perse appena due. Complimenti a lui. Per il resto, l'Italia ci fa una figura barbina. L'intensità con la quale i nostri rappresentanti prendono parte alle sedute è meno di un terzo rispetto a tedeschi e inglesi, un quinto dei polacchi. Abbiamo un record negativo: sui 20 peggiori assenteisti d'Europa, dieci (la metà) li fornisce Roma.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ercole.bravi

    22 Aprile 2009 - 12:12

    se mandiamo dei ladri e buffoni in europarlamento a prendere fior di euro, qualche merito lo abbiamo anche noi. Stiamo sempre ad elemosinare il favore la spintarella ed alla fine i nostri rappresentanti ci rappresentano in pieno. In gara perenne a darci fregature ad avere le cose prima degli altri e se non facciamo nemmeno la fatica di lavorare vuoi mettere la soddisfazione di avercela fatta anche stavolta? Che schifo! citerei per danni tutti questi ominidi che a nostre spese vanno a farsi il giro all'estero con tanti di quei benefit che basterebbero per una regione intera a far quadrare il bilancio. Si stava meglio quando si stava peggio. VERGOGNA AL QUADRATO.

    Report

    Rispondi

  • studio.bergomi

    22 Aprile 2009 - 12:12

    E' ormai un dato acquisito che le cariche di europarlamentare non vengono onorate, mentre l'onorario viene regolarmente incassato. Non sarebbe una cattiva iniziativa rendere pubblici i nominativi di chi si fà eleggere e poi non và a rappresentare il proprio Paese.

    Report

    Rispondi

  • enricosecondo

    22 Aprile 2009 - 10:10

    E poi ci chiamano a votare per gente sreapagata che fa i fatti suoi a nostre spese. Vergogna, vergogna e ancora vergogna, disertiamo le urne in massa e mandiamo a casa questa classe politica inetta che ci prende in giro da decenni. Banchettano a fauci spalancate ma ci indicano come dobbiamo fare sacrifici, come dobbiamo morire in nome di ideali che loro avviliscono con il loro comportamento da iene mai sazie di prebende e privilegi. Roma nel negativo è sempre prima!

    Report

    Rispondi

blog