Cerca

I signori dell'oro nero

Ci stanno facendo la cresta:
petrolio ko, la benzina no

La crisi fa scendere il costo del barile ma non i prezzi alla pompa

Automobilisti spremuti: non è soltanto colpa delle mazzate di monti. I petrolieri fregano gli italiani. Basta fare un confronto tra i carburanti raffinati e quello che ci chiedono nelle stazioni di servizio

Benzinaio

I petrolieri ci stanno facendo la cresta

La notizia è di venerdì sera. Il petrolio, inteso come Wti, è sceso sotto i fatidici 100 dollari per la prima volta dal 13 febbraio. In particolare il greggio “dolce” americano in consegna a giugno ha ceduto 4,05 dollari, ovvero il 3,95%, per attestarsi a   98,49 dollari al barile. In calo anche l’altro petrolio,  il  Brent di Londra, che è stato scambiato intorno ai 112   dollari al barile. La discesa è frutto delle cattive previsioni sulla ripresa, soprattutto negli Stati Uniti. Però c’è il rovescio della medaglia: in fin dei conti se cala l’oro nero, dovrebbero costare meno anche benzina e gasolio... E invece no. Non bastavano le tasse di Monti che hanno incoronato il carburante italiano come il più caro d’Europa: nel loro piccolo anche i grandi operatori italiani  stanno frenando sui ribassi alla pompa, tenendosi in tasca un po’ di centesimi. 

Al distributore - Immaginiamo già la prima obiezione: i listini al distributore non sono determinati dal Wti o dal Brent, ma dal Platts, ovvero quel poco conosciuto indice londinese che fissa quotidianamente i valori dei prodotti raffinati. Ebbene, pure le quotazioni internazionali di benzina e diesel   (in euro) sono adesso ai minimi rispettivamente da metà febbraio e   dall’inizio di marzo, mentre i margini lordi delle compagnie si confermano   in entrambi i casi ben oltre la media dei tre anni precedenti. In particolare, sul mercato del Mediterraneo, continuano a calare notevolmente i   prezzi dei prodotti raffinati, con la verde a 611 euro per mille   litri (-9,6) e il diesel a 653 euro per mille litri (-7,3). Dal 27 aprile siamo al quinto ribasso consecutivo sulla benzina e dal 2 maggio al secondo sul gasolio. 

Incongruenze - Eppure questo calo non si trasferisce immediatamente sul prezzo finale (tutto il contrario di quello che succede con le accise)  perché sui carburanti la dinamica degli operatori è diversa:  si è infatti osservato - spiegano dalla Figisc-Confcommercio - che, nell’intervallo di quindici mesi (dal gennaio 2011 al marzo 2012),  le variazioni giornaliere del Platts sono seguite da una variazione del ricavo industriale esattamente inversa all’andamento del prezzo internazionale con una frequenza del 45,3% delle giornate per il prodotto benzina e del 52,5% per il prodotto gasolio. Tradotto: in questo momento di calo del prezzo Platts le compagnie ci stanno guadagnando. Per questo stiamo assistendo a dei ribassi col contagocce. 

Apripista - L’altro ieri a fare da apripista, come spesso accade, è stato Eni,   che ha tagliato di un solo centesimo il prezzo raccomandato   della benzina. Più cauta TotalErg, scesa di 0,5 centesimi sempre sul   prodotto leggero, mentre Shell ha ridotto di 5 millesimi la benzina e   di un centesimo il gasolio. Giù anche le no-logo, che praticano   sconti fino a 13 centesimi rispetto ai grandi marchi. E così le medie   nazionali sono attorno a 1,89 euro al litro per la benzina, a 1,77 per il  diesel e a 0,87 per il Gpl, mentre le punte massime registrano 1,968   euro al litro per la verde, 1,805 per il diesel e 0,903 per il Gpl. Il passo indietro insomma c’è, ma non si vede. E poi ci si domanda perché nel 2012 s’è venduto un miliardo di litri in meno di carburante...

di Giuliano Zulin

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • greyhawk

    06 Maggio 2012 - 23:11

    Quello descritto è il cosiddetto effetto paracadute sempre attuato quando scende il prezzo del barile. A prescindere da quanto detto, mi chiedo perchè la nostra compagnia che nel tempo si è costituita con il denaro degli taliani non segua invece le variazioni giornaliere del platts? La verità è che tutti fanno la cresta, a partire dal Ministero del Tesoro e dell'Economia.

    Report

    Rispondi

  • PartitoDemagogico

    06 Maggio 2012 - 22:10

    e lo scoprite solo adesso che ci stanno inculando? Bastava guardare, negli ultimi 12 mesi, tutti i giorni il prezzo del petrolio e quello del carburante. Io l'ho fatto tutte le mattine e il gioco sporco dei petrolieri bastardi era li da vedere. Si sono arricchiti a dismisura sulla nostra pelle. Io li odio piu' di tedeschi.

    Report

    Rispondi

  • rocmas

    06 Maggio 2012 - 18:06

    Se non vado errato esiste un organismo creato apposta per evitare che accadano situazioni come quella riportata dall'articolo sopra citato.- Perchè non controlla? Oltretutto mi sembra che non è la prima volta che succedono episodi similari.- O devo pensare che tali organismi, tanto di moda in questi periodi, siano un sistema per far contenti gli amici degli amici?

    Report

    Rispondi

  • peroperi

    06 Maggio 2012 - 14:02

    Stiamo vivendo una dittatura all'italiana dove i dittatori mascherati che avrebbero dovuto prendersela con i politicanti ladri, quantomeno all'inizio dando condanne esemplari ai Bassolino, ai Lusi, ai Penati ed a tutti i segretari di partito che ben conosciamo, hanno continuato a girare il coltello delle tasse nella piaga dei poveri soliti onesti. Non una lira di multa a chi si droga e finanzia per questo le mafie, agevolazioni alle mafie che con le loro teste di legno aprono sale gioco e Compro Oro, hanno beneficiato le banche con prestiti all'1% rivenduti a solo a chi da garanzie al 5-6-7%, stanno arricchendo petrolieri , gestori telefonici, grandi patrimoni e coloro che detengono 150 miliardi di euro in svizzera, nell'attesa di ricevere tra pochi anni il loro concreto ringraziamento. Era meglio Hitler (ebrei a parte) economicamente parlando.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog