Cerca

Il vincitore

Hollande il comunista che alla fine si inchinerà alla Merkel

Il neo presidente francese, l'uomo medio che ha sconfitto Sarkò con la promessa di nuovi diritti, alla fine si piegherà al volere della cancelliera

Dopo diciassette anni all'Eliseo torna la gauche. Contro Sarkozy ha vinto un candidato poco carismatico che promette il ritiro dall'Afghanistan e nuovi diritti per immigrati e omosessuali
Francois Hollande

 

Con un uomo “normale”, senza infamia e senza lode, zero carisma ma 11 anni passati alla guida del partito socialista, la sinistra è tornata all’Eliseo. Dopo diciassette anni di governo di centrodestra e tante delusioni in mezzo, la gauche si è ripresa la Bastiglia. Sembra più per "merito" di Sarkozy che del neopresidente Hollande, l’ex comunista che alla fine si inchinerà al volere della Merkel.  

L'asse con Berlino - Insomma, dopo il grande Mitterand la sinistra torna al potere con il modestissimo Francois Hollande.  La prima telefonata che il neopresidente ha ricevuto è stata  quella di Sarkò, che gli ha augurato buona fortuna, poi a chiamarlo è stata la cancelliera Angela Merkel  che si è congratulata con lui e lo ha finalmente invitato a Berlino dopo aver rifiutato finora di riceverlo. 

Ora Sarkozy, il presidente di ferro non riconfermato dai francesi,  recita il mea culpa - “Ho sbagliato io, mi assumo tutta la responsabilità di questa sconfitta” – e annuncia l’addio alla politica. Del resto Sarkò ha segnato il suo destino. Aveva promesso di modernizzare il paese ma ha fatto metà delle  riforme promesse, ha puntato sul rigore quando i francesi chiedevano il cambiamento. E poi non sono piaciuti i suoi modi sprezzanti, certe uscite infelici e quella première dame – l’italianissima Carla Bruni – così lontana dalla gente e dalle donne comuni. 

Il programma - Hollande, invece, nella sua mediocrità, promette più diritti per gli immigrati compreso quello di voto, più diritti per coppie gay, come la possibilità di adozione e di sposarsi, l’eutanasia, il ritiro delle truppe dall’Afghanistan e la riapertura dei  negoziati sui trattati europei.  

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • doveteandarvene

    07 Maggio 2012 - 20:08

    questo se non lo avete capito verrà preso dai coglioni dalla Merkel, visto che il 30% del debito Francese appartiene alla Germania. Quindi di cosa stiamo parlando...Un'altro che si godrà per tre giorni la vincita poi come tutti i politicanti di merda europei verrà messo sotto..ma per favore...

    Report

    Rispondi

  • UNGHIANERA

    07 Maggio 2012 - 17:05

    Gran parte della colpa dei nostri problemi va imputata agli elettori come te,che indipendentemente dal colore politico sono coloro che vanno a puttane,spiano nella camera da letto degli altri,non chiedono lo scontrino fiscale o la fattura se conviene,hanno una visione della politica limitata al letamaio di appartenenza.Troppo comodo etichettare Prodi come incapace,Prodi è stato primo ministro 2 volte e ha rivestito un sacco di ruoli strategici per il centrosinistra!Prodi è quello che ha svenduto beni dello stato ad amici e il suo processo è stato poi sotterrato a causa delle minacce subite dal giudice inquirente!Penati era tesoriere anche negli ultimi 2 anni in cui era capo del governo Prodi!Penati ha rubato 260 milioni ai contribuenti negli ultimi 10 anni,finanziando il Pd di Prodi,il quale ha avuto anche il tuo consenso da moralista di merd@!

    Report

    Rispondi

  • UNGHIANERA

    07 Maggio 2012 - 17:05

    Di solito chi è anti qualche cosa(e tu sei anti-Silvio)non capisce un caxxo di politica,si limita a seguire l'istinto come le capre o come le vacche da pascolo! Sarkozy,ha creduto orientando le sue politiche pro Merkel di alleviare i suoi problemi economici derivanti da un problema per certi versi peggiore del nostro debito pubblico,un problema che ha indebolito le banche francesi,e cioè la mole di miliardi in bond greci,i quali costano di interessi alla Francia come il nostro debito e sono praticamente inutilizzabili! Il nuovo presidente francese andrà a leccare anche lui il culo alla Merkel come il suo predecessore!Berlusconi il culo alla culona non lo ha mai leccato,i nostri problemi sono interni al nostro sistema finanziario non a caso abbiamo retto alla crisi mondiale meglio di altri paesi. Chiedi ai francesi se vorrebbero Berlusconi,non dare per scontato che tutti ragionino con il cul@ che hai in testa tu!

    Report

    Rispondi

  • liberal1

    07 Maggio 2012 - 16:04

    dimenticavo la Russia ha pure l'arma atomica e non si piega a nessuno comanda e gli anti Putin sono pagati da forze oscure ma Putin questo lo sa e adesso lo sanno anche i Russi che hanno capito che c'è un Presidente con le Palle. Sapevate che agli inizi degli anni 90 alcuni esponenti della destra extraparlamentare hanno fatto leggere ad alcuni ufficiali Russi la dottrina del Fascismo?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog