Cerca

Mea culpa

Pure la Fornero contro Monti
"Troppo rigore, non c'è crescita"

Il ministro del Welfare ammette: siamo in ritardo sugli aiuti ai più deboli

Pure la Fornero contro Monti
"Troppo rigore, non c'è crescita"

 

La maestrina Elsa Fornero ammette gli errori. I suoi e quelli di Monti. Adesso anche il ministro del Welfare mette sotto accusa se stessa e il prermier. Parlando all'assemblea di Confcooperative ha fatto mea culpa: “Dobbiamo dare attenzione a quelli  che sono in maggiore sofferenza, ai segmenti più deboli e su questo   siamo in ritardo, forse c'è anche una qualche mia responsabilità, è  anche un mio compito come ministro del Welfare".    “Il governo ha puntato sul rigore - ha detto Fornero - per uscire  dalla crisi pensando che ci sarebbe stata crescita presto”.   “Con la riforma del mercato del   lavoro corriamo anche il rischio di resspingere verso il nero alcune   occupazioni, pensiamo che questo rischio debba essere colto. Il rischio c'è ma è piccolo e dobbiamo affrontarlo con fiducia". 

Riforma del lavoro "Fare la riforma del lavoro nel momento peggiore della crisi non è una cosa semplice e lo sappiamo. C'è il rischio di spingere in nero alcune occupazioni , pensiamo che questo rischio debba essere colto». La Fornero ha sottolineato che «è esattamente nei momenti di crisi che si possono reimpostare soluzioni. Il rischio c'è ma è piccolo e il Paese deve affrontarlo con fiducia per uscire dalla crisi».Parlando delle risorse per gli ammortizzatori sociali, il ministro ha spiegato che "trovarle non è stato facile e ne abbiamo trovate poche. E una parte di queste le abbiamo chieste a lavoratori e imprese. Ritengo tuttavia che siano costi tollerabili".

La reazione "Il Ministro Fornero prima ammette di essere in netto ritardo sul fronte dei più deboli, poi dichiara che c'è il rischio di un ritorno al lavoro nero che vale la pena di correre. Sono dichiarazioni irresponsabili, insopportabili se pronunciate da un ministro del lavoro. Figuriamoci cosa c'è dietro! Ci auguriamo che non sia già pronto un accordo per allentare le maglie dei contratti precari, perchè se così fosse Fornero dovrebbe solo fare un passo indietro ed evitare di fare ulteriori danni". Lo dichiarano Felice Belisario, presidente dei Senatori dell’Italia dei Valori, e Giuliana Carlino, caporguppo IdV in commissione Lavoro a Palazzo Madama

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • donatello 22

    09 Maggio 2012 - 22:10

    meglio tardi che mai, dobbiamo promuovere una azione collettiva nei confronti di chi li ha nessi al governo e, richiedere tutti i danni. Personalmente al posto di questo "signore" con un minimo di dignità darei le dimissioni.

    Report

    Rispondi

  • Angeli1951

    09 Maggio 2012 - 21:09

    Come posso chiamare questi pseudo tecnini e pseudo professori che ormai hanno perso la testa sonogli stessi che hanno detto che l'imu è più leggere dell'ici? Proprio oggi mi è stato consegnato il conto per l'imu sulla mia azienda agricola (sono un coltivatore diretto) è di € 2.393,00 contro l'ici dell'anno scorso di € 906,00 con un aumento del 164%. Come li potrei definire a scelta: ladri o dementi, maiali oppure cosa?

    Report

    Rispondi

  • Angeli1951

    09 Maggio 2012 - 21:09

    Come posso chiamare questi pseudo tecnini e pseudo professori che ormai hanno perso la testa sonogli stessi che hanno detto che l'imu è più leggere dell'ici? Proprio oggi mi è stato consegnato il conto per l'imu sulla mia azienda agricola (sono un coltivatore diretto) è di € 2.393,00 contro l'ici dell'anno scorso di € 906,00 con un aumento del 164%. Come li potrei definire a scelta: ladri o dementi, maiali oppure cosa?

    Report

    Rispondi

  • ego1

    09 Maggio 2012 - 21:09

    Lei è fuori di testa; peccato che abbia diritto di voto.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog