Cerca

Tv, i grillini si ribellano a Grillo

Beppe aveva ordinato: niente tv. Ma i candidati del Movimento cinque stelle violano il diktat

Tv, i grillini si ribellano a Grillo

Il diktat di Beppe Grillo non lasciava dubbi di interpretazione: nessuno vada in televisione. "Se il Movimento 5 Stelle avesse scelto la televisione per affermarsi, oggi sarebbe allo zero qualcosa per cento. Partecipare ai talk show fa perdere voti e credibilità non solo ai presenti, ma all’intero Movimento. Nei talk show il dibattito avviene con conduttori di lungo corso e con le mummie solidificate dei partiti. C'è l’omologazione con il passato. Che senso ha confrontarsi con Veltroni o con Gasparri in prima serata? Più che spiegarlo e ribadirlo non posso fare. Comunque chi partecipa ai talk show deve sapere che d’ora in poi farà una scelta di campo". Lo scrive Beppe Grillo sul suo blog.

Rivolta al diktat  Ma i grillini hanno disobbedito. Paolo Putti, ad esempio ha parlato davanti alle telecamere de La7 e, prima ancora, era andato a Ballarò. Putti ha spiegato che Beppe Grillo è "il nostro megafono, non il nostro leader". Moltissimi i commenti arrivati sul blog di Grillo criticando il dievieto di apparire in tv. Addirittura c'è chi propone di indire un referedum online sull'opportunità di rispettare l'ordine di Grilo. A Omnibus su La7 Putti ha detto:  «Grillo non è un leader, ma una persona che ha messo a disposizione risorse e intuizioni e che fa da megafono al Movimento nelle città e in rete. Nel Movimento esiste uno staff - aveva spiegato - formato anche da tecnici, professori universitari, professionisti, docenti, che discute dei contenuti e poi Grillo fa da megafono in rete usando anche delle provocazioni». Ieri, interpellato per poter spiegare ancora una volta la sua posizione, anche alla luce del dibattito fatto di colpi bassi e veleni sui siti genovesi frequentati dai grilli anche attorno alla sua persona, Putti ha declinato: «Qualsiasi cosa ti possa dire si scatenerebbe l’inferno». Anche il grillino Federico Pizzarotti che ha conquistato il ballottaggio a Parma, ha parlato in un talk show organizzato da ParmaTv

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Angeli1951

    11 Maggio 2012 - 20:08

    L'atteggiamento degli eletti M5S che vanno a cercare un posto presso tenutari di salotti o bordelli televisivi non fa altro che confermare la teoria del libro "la prevalenza del cretino". I voti li hanno presi perchè la gente è stufa di cialtroni logorroici che sproloquiano su tutto e l'unica cosa che fanno è ingrassarsi a spese di chi produce. Però è bene che si rivelino subito, almeno non aumenteranno il peso del parassitismo.

    Report

    Rispondi

  • raucher

    11 Maggio 2012 - 18:06

    è un mestiere ben appetibile , quindi milioni di italiani anelano ad una qualsivoglia seggiolina che garantisca prebende e privilegi. I grillini non sono diversi dagli altri , anche loro cercano visibilità per fare carriera. Molti italiani odiano i politici ma li invidiano e cosa c'è di meglio di un periodo si confusione per tentare il colpo?

    Report

    Rispondi

  • INCAZZATONERO69

    11 Maggio 2012 - 17:05

    Quindi le ci suggerisce di continuare a pigliarlo in culo?

    Report

    Rispondi

  • micael44

    11 Maggio 2012 - 17:05

    Egregio,lei è un illuso!Ascolti il suo capo (che non è un fesso) perchè ha ragione a non volere grillini in televisione!Se aprissero bocca,i "colleghi" cambierebbero subito idea ed il resto del Paese avrebbe conferma della "sostanza" del M5S!Non è come dice lei,glielo posso confermare:la stragrande maggioranza degli appartenenti non dispone assolutamente di cultura medio alta-come dice lei-e sono per lo più giovani(questo è vero)disoccupati alla inutile,o non convinta,ricerca di lavoro o che lo cercano in ambito politico,perchè "ben pagato" e poco stressante,compresi i pochissimi "acculturati" con lauree o maturità inutili!Signor Spalella,faccia un esame di coscienza e, se se la sente,giuri che,una volta giunti alle poltrone di Palazzo Chigi(cosa improbabile),i suoi amici grillini non diventeranno uguali ai politici che oggi noi tutti critichiamo!Rifiuteranno i rimborsi elettorali, 30.000 euro mensili,l'auto blu,le tessere gratuite,escort,le bustarelle e tutto il resto?Mediti,Spalella!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog