Cerca

Attesa infinita

Equitalia vuole i soldi subito
ma il suo cervellone è in tilt da un anno

Il super computer della sede di Roma dopo 12 mesi è ancora in fase di rodaggio

Equitalia

 

L’aspetto più inquietante è senza dubbio rappresentato dal “cervellone” centrale. Il super computer, che dalla sede di Roma dovrebbe gestire le pratiche in tutta Italia, a un anno di distanza dall’adozione di un nuovo sistema informatico è infatti ancora afflitto dai piccoli e grandi problemi tipici della fase di rodaggio, con la conseguenza che le operazioni risultano spesso rallentate, quando non del tutto impossibili da completare.

Ma gli aspetti che possono trasformare l’ingresso in una sede Equitalia in una sorta di caduta in un girone dantesco sono molti di più. Se il livello di esasperazione tra gli italiani ha raggiunto il culmine di cui gli episodi di cronaca degli ultimi giorni sono drammatica testimonianza, sfociando anche in azioni violente per le quali non ci può comunque essere giustificazione, la ragione non è solo strettamente economica.

Anzi. Basta entrare in un qualsiasi ufficio del braccio operativo dell’Agenzia delle entrate, e osservare i volti e la postura delle persone in attesa del loro turno, per capire che quello con Equitalia è un rapporto che incarna tutti gli aspetti più critici della già difficile relazione tra cittadini e “cosa pubblica”. In tal senso, è emblematico il quadro che un osservatore esterno si trova di fronte nell’ufficio Equitalia di via San Gregorio a Milano, a pochi passi dalla Stazione Centrale e dal Grattacielo Pirelli.

Diviso in due settori, quello informazioni al civico 53 e quello pagamenti e rimborsi al civico 55, l’ufficio ha infatti la peculiarità di essere sempre affollato. E questo non solo per l’enorme mole di pratiche gestite dall’agenzia, che «solamente in Lombardia ha un carico di quasi 6 milioni di cartelle all’anno», spiega Eros Lanzoni, segretario della Fiba Cisl. Ma anche, almeno negli ultimi dodici mesi, per le difficoltà provocate dal “cervellone” centrale zoppicante.

«La migrazione dei dati al nuovo sistema, andato a regime solo 15 giorni fa, ha richiesto un anno, nel corso del quale è stato inevitabile incontrare delle difficoltà. - conferma Lanzoni - Anzi, la fase di rodaggio non è ancora del tutto finita, tanto che il sistema sconta ancora qualche errore e difficoltà».

Come se ciò non bastasse, a peggiorare la situazione ci si mette il fatto che «non tutti i lavoratori hanno già concluso i corsi di aggiornamento per operare con il nuovo sistema» ammette il sindacalista, cosa che complica ulteriormente la gestione di qualsiasi imprevisto o inconveniente. Risultato di tutto ciò è che la gente in attesa negli uffici supera sempre abbondantemente il numero, in realtà esiguo, di posti a sedere.

Non è un caso, quindi, che al civico 55 di via San Gregorio, dove è prassi trovare chiusi metà dei 21 sportelli nonostante decine di persone in attesa del proprio turno, un cartello intimi di “Non sedersi sugli irradiatori di calore”. Né che a pochi metri di distanza, al civico 53, la speranza di un minimo di privacy per gli utenti rappresenti una vera utopia, vista l’esiguità degli spazi che costringe le persone in attesa a invadere l’area a ridosso degli sportelli.

Condizioni non proprio ideali per discutere dei propri debiti e affari privati. Anche quando non si rientri tra i casi limite come quello del quarantenne milanese che si è rivolto all’associazione Codici dopo aver scoperto che la casa di proprietà gli era stata pignorata a sua insaputa da Equitalia per un debito di 3 mila euro. O quello dell’imprenditrice che, avendo saldato un debito di 150 mila euro con Equitalia versandolo per errore all’Agenzia delle entrate, che di Equitalia è la principale azionista, si è vista chiedere di nuovo la cifra senza possibilità di trasferirla dall’agenzia al suo braccio operativo.

di Dino Bondivalli

 

roma, italia

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lallo1045

    14 Maggio 2012 - 20:08

    Il Sig. Monti, anziché andare a Bruxel a pontificare a vanvera, si prenda una settimana di aggiornamento in Brasile, all'agenzia delle entrate di quel Paese. Con una tassazione di ca. il 30%, il Brasile, riesce tranquillamente fare quanto deve per la popolazione e sta espandendo il "welfare"(?), meglio l'italiano "Servizio sociale", anche alle "favelas". E sono socialisti, non acculturati come il nostro Bocconiano, e vengono definiti "terzo mondo". Siamo in mano ad un pugno di incapaci, in parte soci del Bilderberg Group e della Trilateral che quanto a ideologia, per quanto si conosce, la Carboneria è acqua di rose. Come scopo si prefiggono di SCHIAVIZZARE L'UMANITÁ. Possibile che in TUTTA L'ITALIA non ci sia un MAGISTRATO che si interessi a tali società e indaghi un pò? Devono solo interessarsi della p2, p3, p4, o alle scopate di Berlusconi? Perché li paghiamo se non sanno distinguere realmente cosa è importante perseguire.

    Report

    Rispondi

  • liberi_tutti

    14 Maggio 2012 - 16:04

    Mai una volta che in Italia si scelga la strada più semplice! E' il caso di Equitalia: anziché procedere a pareggio debiti-crediti per privati ed attività, no meglio avere un ente che si occupa solo della riscossione dei debiti, che pratica tassi d'interesse da usuraio, che uccide qualsiasi attività e che porta allo stremo i singoli cittadini. Procedere magari a piccoli passi nella riscossione non era meglio? Rendere detraibili tutte le spese sostenute dalla dichiarazione dei redditi non era più semplice per far emergere tutti i casi di evasione? Utilizzare strumenti di leva fiscale semplici piuttosto che software non ancora funzionanti, occhi indiscreti che perlustrano i conti correnti ad insaputa dei titolari, reddittometri (del tutto teorici) non era più semplice? Forse c'era da mettere qualche figlio di pezzi grossi al vertice di questo nuovo caravan serraglio chiamato Equitalia...

    Report

    Rispondi

  • Franx68

    14 Maggio 2012 - 13:01

    Ma Monti e la sua ACCOZZAGLIA di ministri sono mai passati per gli uffici dell'Equitalia? Non credo, ecco perche parlano a vanvera e rilasciano ogni giorno dichiarazioni del cacchio alla stampa!!!! perchè non si rendono conto quello che passa la gente NORMALE quando si "AFFACCIA" in quegli uffici di merda dell' Equitalia.E' un esperienza che dovrebbero provare anche loro!!!! altro che le manghanellate della polizia......

    Report

    Rispondi

  • migpao

    14 Maggio 2012 - 13:01

    La SOGEI "ci entra" perchè, di fatto, gestisce il monopolio delle procedure informatiche delle agenzie collegate alla pubblica amministrazione. Il caso che descrivevo è inerente alla Agenzia del Territorio che lavora (si fa per dire) con SOGEI dal 1988, molti data-base sono stati creati in una filiale aperta in una università in Albania dove nomi e cognomi venivano storpiati (es. Tommasi Giuseppe = Tomasi Giuseepe) ed ancor oggi presento innumerevoli istanze atte a correggere questi errori a loro imputabili. Dal 1988 i programmi colabrodo sono sviluppati da SOGEI che, quando risolve un bug informatico, ben che vada ne crea altri 2 o 3. Capito cosa c'entra SOGEI?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog