Cerca

Pronto il dl Abruzzo

Stanziati 8 miliardi

Pronto il dl Abruzzo
Il decreto legge 'Abruzzo' è pronto. Il governo stanzierà in tutto 8 miliardi: uno e mezzo copriranno le misure più urgenti (emergenza), gli altri sei e mezzo saranno utilizzati per la ricostruzione. Nessuna nuova tassa, dunque, né incremento delle accise sulle sigarette o sulla benzina: lo hanno escluso sia Palazzo Chigi sia il ministero dell'Economia Giulio Tremonti. Le risorse saranno in parte attinte dal fondo della presidenza del Consiglio (che può contare su 9 miliardi), dal fondo delle Infrastrutture e dalle risorse messe a disposizione dall'Inail e dalla Cassa depositi e prestiti. Queste ultime due voci si aggirano intorno ai due miliardi.
Facilitazioni a chi ricostruisce - Tra le novità previste, potrebbe arrivare il contributo per la ricostruzione delle abitazioni. Che dovranno ovviamente rispettare criteri antisismici. Possibile che spunti qualche qualche intervento ulteriore sui mutui.
Mutui - Le operazioni di rinegoziazione dei mutui e di ogni altro finanziamento per le popolazioni colpite dal terremoto «sono effettuate senza applicazione di costi da parte degli intermediari e sono esenti da imposte e tasse di ogni genere. I relativi onorari notarili sono ridotti del 50%».
Affitto - È prevista la «sospensione» del pagamento dei canoni di locazione delle case dichiarate parzialmente o totalmente inagibili.
Stop cartelle fisco - Sospensione dei termini per la notifica delle cartelle di pagamento da parte degli agenti della riscossione e differimento dell'esecuzione «dei provvedimenti di rilascio per finita locazione di immobili pubblici e privati». Sono due delle misure in favore dell'Abruzzo contenute nella bozza del decreto legge predisposta in vista dal Consiglio dei Ministri che si sta tenendo oggi a L'Aquila. Tra le altre misure contenute alla bozza all'articolo 2 (sospensione e proroga termini, deroga al patto di stabilità interno e modalità di attuazione del piano di rientro dei disavanzi sanitari) c'è anche la sospensione dei termini processuali, di notifica degli atti giudiziari e dei processi verbali, di esecuzione del pagamento in misura ridotta, di svolgimento di attività difensiva, per la proposizione di ricorsi amministrativi e giurisdizionali. Per quanto riguarda il patto di stabilità interno la bozza prevede per gli anni 2009-2010 l'esclusione delle spese sostenute dall'Abruzzo e dalla provincia dell'Aquila e dei comuni interessati. È inoltre prevista la sospensione dei termini di versamento delle entrate aventi natura patrimoniale de assimilata, dovute all'amministrazione finanziaria ed agli enti pubblici locali così come alle regioni. Si proroga anche la validità delle tessere sanitarie per un anno.
Donazioni - Le donazioni che verranno fatte da imprese e privati a favore degli interventi post-terremoto saranno deducibili dalle tasse. È quanto si legge nella bozza del decreto 'Abruzzò nel quale si specifica che le erogazioni liberali scontabili sono quelle fatte «per il tramite della Presidenza del Consiglio dei ministri-Dipartimento protezione civile ovvero da altri enti appositamente individuati».
Bollette luce e gas - Una prima sospensione, di due mesi, delle bollette è già scattata. Il decreto potrebbe prorogare il termine. E arrivano agevolazioni per le forniture di energia: c'è anche la possibilità di ottenere una scheda sim per il cellulare «anche in deroga alle misure di identificazione». Per i clienti domestici e residenti e le imprese con meno di 50 dipendenti (e fatturato annuo sotto i 10 milioni) titolari di contratti di forniture di energia elettrica, di gas naturale o Gpl è prevista «un'agevolazione temporanea sui corrispettivi dei medesimi contratti».
Disoccupazione - Arriva una proroga dell'indennità ordinaria di disoccupazione per i lavoratori colpiti dal terremoto e indennizzi in favore dei collaboratori coordinati e continuativi: lo prevede la bozza di Dl esaminata oggi dal consiglio dei ministri. Tra le altre misure la sospensione del versamento dei contributi previdenziali e dei premi per l'assicurazione obbligatoria contro gli infortuni e le malattie professionali. Si prevede inoltre la non applicazione delle sanzioni amministrative per inadempimenti in materia di lavoro e fiscale per ritardate comunicazioni di assunzione, cessazione e variazione del rapporto di lavoro in scadenza dal 6 aprile e fino al 30 giugno 2009.
Sigarette e lotterie - Aumentano gli incassi fiscali dalle sigarette e sono in arrivo nuove lotterie: sono queste due delle novità previste dalla bozza di decreto che il Cdm ha esaminato con le misure in favore dell'Abruzzo che serviranno a finanziare la ricostruzione. È previsto l'aumento dell'aliquota base del prelievo sulle sigarette, che si calcola in base agli aumenti decisi dalle società produttrici: da questo si conta di ottenere entrate aggiuntive per 150 milioni nel 2009 e per 200 milioni annui a decorrere dall'anno prossimo. Per quanto riguarda i giochi il ministero del Tesoro potrà indire nuove lotterie a estrazione istantanea, i 'gratta e vincì, adottare nuove modalità di gioco del Lotto (più estrazioni settimanali) e infine consentire l'apertura delle tabaccherie anche nei giorni festivi.
Contributi pompieri-forze dell'ordine - Per proseguire gli interventi di soccorso in Abruzzo il Governo autorizza uno stanziamento di 80 milioni dal primo giugno per Vigili del fuoco, e delle forze di polizia. La bozza di decreto fissa al 31 dicembre 2009 la scadenza per l'erogazione dei fondi. Aumenta inoltre il tetto di straordinari per il personale impegnato, fino ad un massimo di 75 ore mensili pro-capite.
Strade e ferrovie - Anas e Rfi dovranno ridefinire i propri programmi di investimento per concentrare nelle zone colpite dal sisma interventi di ricostruzione per almeno 300 milioni complessivi. Lo prevede la bozza di decreto esaminata dal Cdm che specifica che dovranno essere investiti almeno 200 milioni per le infrastrutture viarie e almeno 100 milioni per quelle ferroviarie nel 2009
Sostegno ai commercianti -  In arrivo un sostegno per commercianti, artigiani e professionisti che lavorano nelle zone colpite. Inizialmente l'aiuto dovrebbe essere garantito per 90-120 giorni. Si è parlato di 800 euro al mese, ma la cifra dell'intervento dovrebbe definita da un'ordinanza successiva.
Indennità disoccupazione - Prevista la proroga, che dovrebbe essere di circa sei mesi, della indennità di disoccupazione laddove fosse in scadenza.
Spese farmaceutiche - Sconto del 7% sul prezzo dei farmaci generici per le popolazioni dell'Abruzzo colpite dal terremoto: la norma non si applica ai medicinali coperti da brevetto.
Bonus oratori, negozi, seconde case - Contributi ed indennizzi per le imprese colpite dal sisma, ma anche per le strutture adibite alle attività sociali, ricreative, sportive e religiose, come, ad esempio, gli oratori. Ma anche bonus fiscali per ricostruire negozi e seconde case: lo prevede la bozza di decreto esaminata dal Consiglio dei ministri. Arrivano quindi ulteriori contributi, con la modalità del credito di imposta, per la ricostruzione o la riparazione delle seconde case o immobili ad uso commerciale. Sono inoltre previsti indennizzi a favore delle imprese che hanno subito conseguenze economiche sfavorevoli per effetto degli eventi sismici e per quelle che dovranno riparare o ricostruire beni mobili distrutti o ripristinare le scorte.
Case antisismiche - Arrivano 700 milioni in Abruzzo per realizzare «moduli abitativi di carattere non precario e destinati ad un durevole utilizzo». Tali moduli abitativi «garantiscono elevati livelli di qualità, innovazione tecnologica per l'autosufficienza impiantistica, protezione dalle azioni sismiche anche mediante isolamento sismico per interi complessi abitativi». Per tale finalità viene stanziata una cifra di 300 milioni di euro per il 2009 e di 400 per il 2010.
5 per mille - Non soldi in meno al volontariato, ma soldi in più per il terremoto. Per aiutare la popolazione dell'Abruzzo potrebbe arrivare dunque un secondo modulo.
Garanzia al credito al consumo - È una delle proposte del ministro dello Sviluppo Economico Claudio Scajola e punta a introdurre aiuti sotto forma di garanzia al credito al consumo per l'acquisto di mobili per le aziende e per gli studi professionali.
Defiscalizzazione - Applicazione di alcune misure di defiscalizzazione ai comuni abruzzesi colpiti dal terremoto.
400 milioni a poli produttivi - Sblocco di 400 milioni per realizzare contratti di programma e riavviare i poli produttivi nei settori dell'informazione e della comunicazione, della farmaceutica e agroalimentare.
Scuola -  Arrivano 110 milioni per l'edilizia scolastica nelle zone colpite dal sisma.
Norme antisciacalli - Lo sciacallaggio non diventerà un nuovo reato del codice penale, ma verrà punito nella forma di aggravante di tutti i reati compiuti contro il patrimonio, con un aumento delle pene previste da un terzo alla metà.
Patto stabilità interno - Per l'Abruzzo dovrebbero ammorbidirsi le maglie del Patto di stabilità interno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog