Cerca

La proposta di Berlusconi:

"Spostare il G8 a l'Aquila"

La proposta di Berlusconi:
Un Consiglio dei Ministri a l'Aquila, per varare il decreto legge sugli interventi urgenti in favore della popolazione abruzzese colpita dal terremoto. Durante la riunione, iniziata poco dopo le dieci di questa mattina nel capoluogo abruzzese, nella Scuola per ispettori e sovrintendenti della Guardia di Finanza,  il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ha affermato che "sarebbe giusto spostare il G8 della Maddalena qui all'Aquila". Il premier, secondo quanto riferito da fonti governative, ha motivato questa decisione con il fatto che in questo modo si risparmierebbero denaro e risorse che potrebbero essere utilizzati per la ricostruzione. In questo modo, ha aggiunto Berlusconi, si porterebbe l'Abruzzo al centro dell'attenzione mondiale. L'ipotesi di spostamento incontrerebbe il favore della Provincia de l'Aquila, la cui presidente, Stefania Pezzopane, ha così commentato: «Sarebbe sicuramente una grandissima occasione per L'Aquila che vive una situazione difficile. Certo dal punto di vista organizzativo ci sarebbero tantissimi problemi da affrontare ma sarebbe un gesto di generosità per la nostra città martoriata». «Avere il g8 a L'Aquila - ha aggiunto - sarebbe un'occasione per essere al centro del mondo e avere i più importanti leader della politica mondiale. Potrebbe essere molto importante anche per la ricostruzione». Ma l'idea del Cavaliere, sempre secondo quanto si è appreso, avrebbe sollevato diverse perplessità nello stesso governo in quanto ci sarebbero da risolvere una serie di problemi di tipo logistico ma anche di sicurezza che al momento non sarebbero stati affrontati. Già in passato il premier aveva ventilato la possibilità di cambiare la sede della riunione degli otto grandi: fu quando, con Napoli sommersa dai rifiuti, annunciò che sarebbe stata una buona idea - una volta usciti dall'emergenza - tenere almeno una delle riunioni nel capoluogo partenopeo, facendo arrivare gli otto leader con una nave.
Ma la proposta di Berlusconi ha scatenato le ire sarde. "Una follia",l'ha definita Alessandra Giudici, presidente della provincia di Sassari; "Mi pare una sparata demagogica e mediatica che mi preoccupa molto. Spero che resti tale, ma situazioni del genere richiedono maggiore senso della realtà", ha poi concluso. Dello stesso avviso il sindaco della Maddalena, Angelo Comiti, eletto nella lista civica 'Isole d'Europa', scettico sullo spostamento: "Tutto procede normalmente - ha detto in un intervista a R101 -. Trasferire il G8 a L'Aquila è pura fantascienza. L'ipotesi mi sembra talmente inverosimile che non la prendo neppure in considerazione. La macchina non si può fermare - ha precisato il primo cittadino - perchè quando si spendono soldi e risorse pubbliche si risponde ad organismi che non scherzano, come la magistratura e la Corte dei Conti. Non solo, «abbiamo già ricevuto le delegazioni di tutti i Paesi partecipanti- spiega Comiti- che hanno già fatto sopralluoghi e stabilito questioni che riguardano la sicurezza. Sono già state realizzate strutture importanti. Ci sono centinaia di operai che stanno continuando a lavorare con un investimento di risorse pubbliche spaventoso. Non credo che siano questioni che possono essere decise con un battito di ciglia. Il G8 non è una festa di compleanno tra compagni di scuola. È un meccanismo importante che comporta la mobilitazione di migliaia di persone".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marcello.favale

    24 Aprile 2009 - 11:11

    Berlusconi si sta distinguendo per intraprendere iniziative goliardiche, come il G8 a L'Aquila. A parte le considerazioni del sindaco di La Maddalena (e spero che la corte dei conti ed i magistrati prendano gli opportuni provvedimenti nei riguardi di chi, per pura spedulazione elettoralistica, sperpera denaro pubblico) mi preparo a delle matte risate quando i no global invderanno il "buco" de L'Aquila (diventato tale perchè, da quello che si vede, è tutto un cumulo di macerie). Da due anni si sta lavorando a questo G8 a La Maddalena (scelta proprio perché più difendibile, certamente, di una città-cantiere, qual è L'Aquila), si sono spesi somme ingenti e se ne sono impegnate delle altra (che equivale a spese già "impegate" alle quali non ci si può sottrarre). Speriamo che, quando sarà raggiunto dai provvedimenti della Magistratura, non si attegg a martire, perché lui è solo un irresponsabile.

    Report

    Rispondi

  • matrigna

    24 Aprile 2009 - 11:11

    Peccato che le sue parole non vengano riportate a Silvio,magari le apprezzerebbe,e adotterebbe il metodo, in fondo ,anche se un po strapazzosa, non è un'idea malvagia

    Report

    Rispondi

  • matrigna

    24 Aprile 2009 - 11:11

    deve essere una persona super attiva per pensare una cosa che in fondo non è male,ma vuole proprio far ammalare i vecchi del g8 con tanti viaggetti su e giù per l'italia? Non dimentichiamoci fra l'altro l'età di Berlusca,vabbè che per i giottini immagino ci saranno anche cure rilassanti con massaggi ecc.come si convien ai vip,durante gli intervalli del convegno.Mi sembrerebbe piuttosto la sua un'idea anti noglobal,che sarebbero messi un po in difficoltà a seguire tutti questi spostamenti.Ecco ,per prendere per i fondelli i no global sarebbe un'ottima proposta

    Report

    Rispondi

  • rammal

    23 Aprile 2009 - 12:12

    due righe soltanto. Portare il G8 all'Aquila subito,via Roma per poche ore e far vedere il disastro; dirottarlo poi a La Maddalena per la riunione; concludere a Napoli per mostrare come è cambiata e darsi appuntamento ( da motivazione si trova) a L'Aquila tra 24 mesi e concludere : ECCO COSA SA FARE L'ITALIA UNITA! Paolino Di Licheppo

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog