Cerca

Sciacalli all'opera

Brindisi e il peggio della politica:
"A chi giova la strage?"

Poche ore e si scatena la caccia al mandante della bomba: Grillo, Di Pietro, Veltroni, il Fatto. Non un bello spettacolo

Antonio Di Pietro

Prima il casino e poi il complotto, era solito ammonire il portavoce della Thatcher, Sir Bernard Ingham. Che, per sua fortuna, non aveva mai avuto a che fare con l’Italia. Dove c’è un significativo segmento di popolazione talmente smanioso di gridare al complotto da non farsi problemi ad usare il casino per amplificare il proprio grido alle oscure trame. E ieri, a bomba ancora fresca, era pieno di gente che aveva capito tutto: esecutori, mandanti e inconfessabili segreti inclusi.

Al solito, quando c’è da buttarla in complotto, il celebre “popolo della Rete” è un giro avanti a tutti. Per brevità - si dovessero elencare le stramberie circolate sui vari social network ci vorrebbe un’edizione speciale - ci si farà bastare quanto sostenuto da Beppe Grillo e Fatto quotidiano, che del popolo in questione dovrebbero essere leader politico e testata di riferimento. Il comico genovese parla a botta calda e, conoscendo il mestiere, snocciola un crescendo wagneriano, a partire dall’incipit: «Cui prodest questo attentato?». E se la premessa è il cui prodest, allora è lecito aspettarsi i fuochi d’artificio. Che non tardano ad arrivare: «Alle coincidenze», prosegue Grillo, «ho smesso di credere da tempo, da quando ho visto da bambino per la prima volta Andreotti in televisione». Segue lunare tirata che mette insieme piazza Fontana e Spatuzza, Bologna e Adinolfi e in cui la parola «mandanti» compare almeno una volta in ogni frase. Conclusione: «Gli italiani lo pensano e io lo dico: da tempo ci si aspettava una bomba come questa, era nell’aria elettrica come prima di un temporale». 

Fa, se possibile, di meglio il quotidiano di Padellaro e Travaglio. Che, mentre ancora per gli inquirenti l’unica certezza è che è scoppiata una bomba, pubblica in rete un servizio contenente, nientemeno, «l’identikit dei mandanti». Svolgimento: i mandanti della bomba di Brindisi sono «i membri di quella Cupola Nera composta da massoneria, politica corrotta, pezzi deviati dei servizi segreti e finanza speculativa» i quali sono spaventati a morte dal «cambiamento che in Italia si sta manifestando attraverso i giovani a la Rete».

Motivi di constituency, si potrebbe dire. Nel bacino di utenza di Grillo e del Fatto c’è un sorprendente numero di individui convinti che l’undici settembre l’abbiano fatto gli ebrei perché l’hanno visto su Youtube. Lisciarsi questa gente (sottilissima l’operazione del Fatto, il cui sottotesto è: la Spectre è nemica della Rete, noi siamo la Rete, noi siamo l’anti-Spectre) è, se non altro dal punto di vista del marketing, operazione comprensibile.

Al contrario di quanto fatto da chi, invece, in teoria nessun bisogno avrebbe di dare spago a certe derive. Come ad esempio Walter Veltroni che, a poche ore dall’attentato, si sente in dovere di ricordare che «la mafia agisce anche in conto terzi». O come Tonino Di Pietro, che cede al riflesso pavloviano del tempo (e dell’elettorato) che fu e discetta per tutto il giorno di «guerra civile» e «strategia della tensione». O come il reduce comunista Marco Ferrando che butta lì «i crimini oscuri». O come il leghista Roberto Calderoli che, seppure dubbioso, non riesce a impedirsi di «pensare male» e di ricordare che a fare così «come diceva qualcuno, alla fine ci si azzecca». O come tutti quelli che, tra casino e complotto, preferiscono non sbilanciarsi.

di Marco Gorra

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • raucher

    21 Maggio 2012 - 11:11

    Grillo e DiPietro , demagoghi di lungo corso . Quelli del Fatto , poi , mi ricordano gli autori ( l'Okrana) dei Protocolli dei Saggi di Sion , ai quali ,tuttora , qualcuno ancora crede , per esempio Ahmadinejad e compagnia bella di ayatollah. L'accostamento non è lusinghiero ( volutamente).

    Report

    Rispondi

  • ilsaturato

    21 Maggio 2012 - 02:02

    Per esempio che purtroppo la pazzia umana può sempre esplodere anche per futili motivi nelle menti di squilibrati potenziali… Ma purtroppo non riesco nemmeno a levarmi dalla mente il tarlo che mi hanno inculcato i pugni alzati e le parole di compiacimento e augurio per una nuova stagione di “rivoluzione armata” mostrati dai terroristi sotto giudizio in questi giorni. Come non scordo l’impennata delle attività degli anarco-insurrazionalisti in tutta Europa e in particolare nella disperata Grecia… e Brindisi è l’approdo naturale delle rotte provenienti dalla Grecia e dai Balcani. Quello che so per certo è che la nostra classe politica e i governi non possono godere di nessun alibi o perdono; hanno devastato l’Italia economicamente e socialmente e adesso ci regalano l’ascesso infettante di Grillo & compagni… Povera Italia, in quali tempi bui ti stai infilando!!!

    Report

    Rispondi

  • ilsaturato

    21 Maggio 2012 - 02:02

    …non parlo di credo, caste, ideologie politiche!) che devono essere la base inevitabile di qualsiasi popolo che crede e rispetta la democrazia. Nessuno sa, per il momento, chi sono gli immondi autori e i mandandi di questo assurdo scempio di innocenti e quindi ogni personaggio pubblico che ha l’attenzione e lo spazio dei/sui media, DOVREBBE e DEVE assolutamente stare zitto, composto e rispettoso! E’ da vigliacchi e indecenti usare l’attenzione dei media per il proprio tornaconto politico e “poltronaio” (guarda caso oggi ci sono i ballottagi e l’M5S intravede un grande accaparramento di poltrone con relativi potere e prebende). Per adesso, ogni singolo individuo può e deve formarsi i propri personalissimi pensieri in merito a questo bruttissimo fatto. A me, vengono in mente le cose più disparate… per esempio che la criminalità organizzata è tutto meno che stupida, e una azione del genere è la cosa più stupida e controproducente che avrebbe potuto fare...

    Report

    Rispondi

  • ilsaturato

    21 Maggio 2012 - 02:02

    Provo innanzitutto fortissimo dolore e tristezza per l’assurda morte e il ferimento di bellissimi e puri nostri giovani che avevano l’unica colpa di essere felici di vivere e di partecipare a qualcosa che consideravano nobile e importante. E’ uno strazio enorme e ingiusto che segnerà per sempre i loro cari, i loro amici e la nostra società. Spero arrivi a tutti loro il forte abbraccio che sicuramente tutta l’Italia gli sta inviando. E in tutto questo c’è l’indecenza della strumentalizzazione di questi accadimenti pazzeschi, da parte di personaggi indecenti e irresponsabili che come le iene sono sempre pronti ad azzannare qualsiasi innocente per il proprio interesse e vantaggio. E’ un po’ che dico che Grillo, il suo movimento e chi si è fatto ammaliare da questa aberrazione, sono una pericolosissima deriva irresponsabile, gratuitamente populista e in qualche modo sovversiva delle regole (umane, civili, democratiche…

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog