Cerca

Il fenomeno brianzolo

Piffer, l'antipolitico che a Silvio ha detto: di politica non capisci niente

Il Cavaliere lo ha invitato ad Arcore per capire le ragioni del suo successo

Con la sua lista civica Paolo Piffer ha raggiunto il 5 per cento. Ecco il segreto della sua politica
Paolo Piffer
Berlusconi lo ha invitato ad Arcore e lui ci è andato, ma gli ha detto subito: "Caro Silvio, di politica non capisci niente". Questo ragazzo senza peli sulla lingua è Paolo Piffer, 31 anni, che a Monza, con le sue liste civiche PrimaveraMonza e CambiaMonza ha raggiunto il cinque per cento.
  
Psicologia e comunicazione - Il Cavaliere, come riporta il Giornale, sarebbe molto attratto da questi antipolitici, grillini e non. Tanto che per capire le ragioni del loro successo e del loro linguaggio ha incontrato questo "fenomeno" brianzolo. Piffer vive a Monza, ha due lauree, in Psicologia della Comunicazione e in Tecniche Psicologiche, entrambe prese all’Università Bicocca di Milano ed è attivissimo nel sociale. Prima all'Arp di Milano, per il disagio psicologico, poi come educatore a Monza in una cooperativa che si occupa di assistenza domiciliare a minori e disabili. Infine l'attività al carcere di Monza. 
Il suo motto lo deve alla dottoressa Reichmann con cui ha fondato l'associazione L'isolachenonc'è che si occupa di disagio psichico: "Se alla fine della giornata non sei sporco, vuol dire che non hai lavorato bene”.Questa mentalità, scrive Piffer sul suo sito, "mi piacerebbe che contaminasse anche la politica".  
Due consigli ai politici - Forse questo ha detto Piffer a Berlusconi, quello che lui e i giovani vogliono. Lui le idee ce le ha chiare e le ha messe nero su bianco in un decalogo online: "Vorrei che ci fosse una politica più educata e più rispettosa. Che  che ogni delibera potesse essere letta e compresa da tutti. Vorrei potermi connettere in ogni angolo della città, e vorrei poterci arrivare in bici. Vorrei incontrare più anziani sorridenti. Non sentir più parlare di cementificazione selvaggia. Vorrei tante cose ancora, ma soprattutto, la possibilità di dimostrare che noi siamo diversi".
Il programma che piace - Nel concreto Piffer avrebbe cambiato così Monza: quote rosa, politica antisprechi (niente auto blu, consulenze, eccetera), eliminazione del gettone di presenza, riduzione del 30% degli stipendi di sindaco e giunta, aiuti alle imprese dei giovani, trasparenza su appalti e bilancio. Eppoi una comunicazione diversa del Comune che sfrutti il sito del Comune stesso e i social network, da Facebook a Youtube. Il Cavaliere è avvisato. Così si rinnova la politica. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • precario

    24 Maggio 2012 - 12:12

    Con il dileggio delle istituzioni, di tutti e di tutto, si può anche diventare sindaco. Per governare non funziona più e allora ecco pronta la fuga presso altre più redditizie alleanze. Non mi meraviglierei se il primo sindaco 5 stelle sia anche il primo a sfilarsi.

    Report

    Rispondi

  • darkstar

    24 Maggio 2012 - 12:12

    are you mad bro ? mai visto un rosicone del genere lavora,lavora e paga le tasse, il governo fará buon uso dei tuoi soldi. Come pagare internet gratis ad ogni fancazzista fuoricorso, portare la fibra ottica in dei paesini abitati solo da anziani e pagare la Germania per prendersi i nostri rifiuti, visto che le emergenze rifiuti stile Napoli saranno sempre piú comuni, dato che la prima cosa che i grillini hanno fatto, anzi non hanno fatto a Parma é stato bloccare i lavori per l'inceneritore

    Report

    Rispondi

  • gian65

    24 Maggio 2012 - 09:09

    un'altro alla Renzi : cena ad arcore e poi ascoltate le lezioni si mettono in pratica . ma come si fa ad ascoltare ancora le cariatidi come berlusconi? Questo piffer non ha capito che e' il suo 5% che interessa a berlusconi . piffer se puoi resta come sei e non ridurti come renzi.....

    Report

    Rispondi

  • INCAZZATONERO69

    24 Maggio 2012 - 08:08

    Rientri pure tu nella schiera dei "sòtuttoio"?Squallido.Sono iscritto al Movimento5Stelle e sono proprietario di un'azienda di falegnameria,non sono iscritto a nessun socialnetwork e,mediamente lavoro 12-14 (altro che i cinesi,mi fanno nà pippa) ore al giorno, tengo sù la baracca tra mille rinunce,quindi non mi reputo uno sprovveduto, me la cavo sia con la dialettica e con (occhio!!!)le mani.Il programma del Movimento lo ha letto?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog