Cerca

Il futuro dell'Unione europea

Monti spaventa la Merkel: "Tempi maturi per gli eurobond"

Il premier parla di crescita e accelera: collettivizzare il debito dei paesi Ue

Monti spaventa la Merkel: "Tempi maturi per gli eurobond"

Mario Monti suona la carica contro Angela Merkel, assediata da tutti i partner dell'Unione. A poche ore dall'ennesimo nein della cancelliera tedesca, il premier italiano assicura come l'ora degli odiati (da Berlino) euorobond sia ormai arrivato: "L’Italia ribadisce l'importanza di una politica per gli investimenti nell’Unione europea come strumento di crescita - ha sottolineato il professore al termine del suo incontro con il Primo ministro dlla Repubblica Ceca Petr Necas -, sia per quanto riguarda gli investimenti strutturali, sia per quanto riguarda i project bond e, quando i tempi saranno maturi, non fra moltissimo, gli eurobond".

Debito collettivo - "Siamo entrambi interessati alla crescita economica dell’Unione - ha proseguito Monti - che deve avvenire, per essere sostenibile, in piena coerenza con la disciplina fiscale, alla quale la Repubblica Ceca, che non è ancora nell’Eurozona, e l’Italia assegnano molto rilievo". Oltre al rigore, però, c'è di più. La crescita, gli investimenti strutturali di Bruxelles e, ultima tappa, gli eurobond che permetterebbero di collettivizzare il debito nazionale e farlo gravere su tutte le spalle dei paesi membri dell'Ue. E' proprio questo che spaventa la Merkel e la Germania, forte di una congiuntura economica del tutto favorevole e assai restìa ad accollarsi i guai dei vicini. Ma per la prima volta, l'Unione rischia di decidere davvero in modo democratico: a maggioranza.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sfeno

    29 Maggio 2012 - 18:06

    non cada nel tranello degli eurobond se non vuole mandare in cacca anche la Germania che finora ha dimostrato di avere una coscienza politica di gran lunga migliore degli altri.

    Report

    Rispondi

  • AG485151

    25 Maggio 2012 - 14:02

    I nostri governi ( governi si fa per dire ) hanno sperperato per decenni fino al debito di 2.000 mld di euro , che ci costa 90mld di debito l'anno di interessi. Il tutto perchè hanno messo in piedi un sistema politico / amministrativo che si mangia tutto alle spalle di chi produce. Adesso dicono che deve essere collettivizzato e cioè equamente distribuito su tutti i paesi europei. Allora io domani mi vado a comprare l'auto nuova , le vacanze 4 stelle , un monolocale e un quadro di Braque facendo un debito di 100 milioni di euro , che è un pò di più di quanto guadagno . Poi il tutto viene equamente distribuito su tutti i condomini. NON HO PAROLE , ANZI LE AVREI MA NON LE DICO A QUESTI PERSONAGGI PER NON OFFENDERE LE PAROLE. COMUNQUE VERRANNO LE ELEZIONI.

    Report

    Rispondi

  • lulinho

    25 Maggio 2012 - 11:11

    Tutti a criticare.... Monti,Obama, etc...... tutti incompetenti. I commenti sono un piagnisteo di persone boriose .Meditate prima di scrivere minchiate.

    Report

    Rispondi

  • fatti neri

    24 Maggio 2012 - 23:11

    ho scommesso 100:1 che ci avrebbe chiesto soldi e avrebbe usato lospettro della grecia ma è stato capace di fare ancor di più: ha dichiarato che i giovani devono capire che l'uscita dal "tunnel" può avvenire abbastanza presto ma non sa quando....ha dato una certezza...e poi da perfetto manichino maggiordomo ha deriso i siciliani di termini imerese dicendo che la fiat non produce in Serbia per i soli 300 euro di stipendio ma perchè questo non cambia l'assetto della fiat dato che là assemblano sol pezzi mentre questi vengono prodotti altrove e, con questa opera di assemblaggio l'Italia ottiene commesse importanti per opere di infrastrutture. che dire? se di questo discorso ne fa un libro ai giovani e siciliani posso dire: buon appetito e mangiatevi le pagine che altro non verrà. fatti neri

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog