Cerca

L'inchiesta

Terremoto in Emilia
20 indagati per i crolli

Durante il sisma morirono quattro operai

Mentre la Procura indaga la terra continua a tremare. Registrate due scosse di 3.9 e 4
Terremoto in Emilia
20 indagati per i crolli

Mentre la terra in Emilia continua a tremare, oggi si sono registrate due scosse di magnitudo 3.9 e 4, la Procura di Ferrara ha iscritto una ventina di persone nel registro degli indagati per il crollo dei capannoni, provocato dal terremoto di domenica, che ha causato la morte di quattro operai.

L'inchiesta - In particolare, una decina di persone dovranno rispondere per i crolli alla Ceramiche Sant'Agostino e alla fonderia Tecopress, nel comune di Sant'Agostino. Altri nove sono indagati per il decesso di un operaio alla Ursa di Bondeno.

Gli effetti del sisma - Intanto, gli esperti hanno informato che per il sisma di domenica, la Pianura Padana si è sollevata di 15 centimetri.  Lo hanno rilevato le verifiche di Agenzia Spaziale Italiana, Cnr e Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia grazie alle informazioni satellitari. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • 654321

    29 Maggio 2012 - 12:12

    ...aggiungerei, quelli rimasti su, sono quelli dei non compagni raccomandati, costretti a rispettare le norme, gli altri compiacenti e del concone li hanno fatti risparmiare e il terremoto non li ha perdonati!! Comunque l'efficienza conclamata della regione dov'e'! Comunque povera gente!

    Report

    Rispondi

  • 55mariva

    29 Maggio 2012 - 11:11

    Purtroppo qui la terra continua a tremare e non poco. Invece di sparare stupidaggini do ragione a cavallotrotto. Qui stiamo già cercando di rimboccarci le maniche ma è molto difficile. Alcune realtà produttive non riescono a ripartire per le infrastrutture, strade e ponti, chiuse totalmente o parzialmente. La sanità, per chi ha anziani o familiari con particolari patologie, non riesce a venirci incontro. Basta pensare che l'ospedale di Bondeno è praticamente chiuso, che quello di Ferrara ormai è stato trasferito a Cona e che in quello di Cento non vengono effettuate certe terapie. Morale: oltre al magone, ai pensieri e a tutto quello che riguarda la vita normale dobbiamo pure rimboccarci le maniche per seguire i nostri cari. Perciò lo ripeto: LE POLEMICHE SONO INUTILI E INCONCLUDENTI. Se avete tempo da perdere piuttosto fate volontariato e aiutateci.

    Report

    Rispondi

  • cavallotrotto

    27 Maggio 2012 - 11:11

    invece di dire cavolate , caro signor 5 , sappia che le coop. rosse non vendono solo cibo , ma hanno cooperative edili , di trasporto terra eccetera . a parte questo , come al solito diamo la colpa dei terremoti agli altri . per carità , l'ignoranza regna sovrana . lo sa il PM che difronte ad una scossa di magnitudo 6 e sussultorio , cade anche il monte rosa ?la zona della pianura padana non è mai stata dichiarata sismica . i capannoni sono stati costruiti a norme regolari . in comune sono stati presentati conteggi , planimetrie eccetera regolari . gli uomini della asl , dell'arpa hanno effettuato i controlli , se non sono in regola , qui siamo al nord in zona altamente produttiva , a parte le sanzioni che sono altissime , ti fanno chiudere . quindi caro PM arresta te stesso , inquisisci le vostre università che non danno cultura eccetera

    Report

    Rispondi

  • 55mariva

    26 Maggio 2012 - 06:06

    Vieni qui da noi con una bomba sotto il deretano un figlio disabile, un genitore in carrozzina dializzato, tutto a norma ma in campagna (ho un'azienda agricola)ci sono crepe di circa 5/6 centimetri e la terra si è alzata e poi vienimi a dire che meritiamo legnate sulla schiena PROVALA ANCHE TU LA NOSTRA PAURA IGNORANTE!!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog