Cerca

Incontro delle famiglie

Il Papa è arrivato a Milano Bagno di folla per scordare il corvo

Migliaia di fedeli hanno invaso piazza Duomo per salutare Benedetto XVI

Ratzinger resterà tre giorni nel capoluogo lombardo. E a sorpresa con lui c'è il cardinale Tarcisio Bertone
I fedeli invadono piazza Duomo per l'arrivo del Papa

 

 "La famiglia va riscoperta quale patrimonio principale dell’umanità, coefficiente e segno di una vera e stabile cultura in favore dell’uomo". Con queste parole Benedetto XVI ha salutato in piazza Duomo a Milano i rappresentanti delle famiglie, provenienti da oltre 150 paesi del mondo, che partecipano al VII Incontro Mondiale. Per il Papa è urgente immettere nell’attuale contesto culturale il lievito evangelico. "La fede deve animare tutto il tessuto della vita, personale e comunitaria, privata e pubblica, così da consentire uno stabile e autentico "ben essere".  Successivamente, il Papa ha espresso un messaggio di solidarietà nei confronti dei terremotati dell'Emilia, incitando la folla ad aiutare in maniera concreta le povere vittime del disastro. 

Una folla di fedeli armata di striscioni ha invaso piazza Duomo a Milano per l’arrivo del Papa. Benedetto XVI, infatti, è sbarcato nel capoluogo lombardo in occasione dell’Incontro Mondiale delle Famiglie, accompagnato, a sorpresa dal cardinale Tarcisio Bertone. Sugli striscioni le scritte di benvenuto per il pontefice si moltiplicano. “Benedetto colui che viene nel nome del Signore” si legge su uno striscione di Cl. Per tutti, gratis un gadget ricordo: un foulard/bandana con il logo e la scritta “VII incontro mondiale delle famiglie, Milano 2012”.

Anche il Segretario di  Stato vaticano, il cardinale Bertone, accompagna Benedetto  XVI in questa tregiorni a Milano. Una circostanza che mostra la vicinanza del Papa al suo più stretto   collaboratore in un momento particolarmente difficile per la Chiesa di  Roma segnato dalla crisi e dalle indagini derivate dalla fuga di   documenti riservati dal Vaticano. Benedetto XVI in questo modo intende  rafforzare il messaggio di mercoledì scorso quando, al termine   dell’udienza generale, ha voluto confermare la sua fiducia ai suoi   più stretti collaboratori e allo stesso tempo denunciare le tante   illazioni che si levano contro la Chiesa.

 

Milano

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Il_Presidente

    01 Giugno 2012 - 20:08

    benvenuto Santo Padre

    Report

    Rispondi

  • spalella

    01 Giugno 2012 - 18:06

    Non capisco cosa ne sappia della famiglia un prete, che la famiglia la rifiuta per stupido dogma e per fanatismo inventato da qualche scemo, secoli fà .... Cosa ne sà delle difficoltà, o delle problematiche anche positive che percorrono la vita di una famiglia negli anni e nei decenni, cosa ne sà dei figli e delle ddifficoltà della famiglia nel mondo di oggi ? però i pecorai vogliono gestire le pecore, e quindi il gregge và controllato e portato là dove serve, vero ? Beh, Io non sono nè pecora nè voglio essere pecoraio di chicchessia, e da uomo libero li mando tutti in quel posto.

    Report

    Rispondi

blog