Cerca

Verso il voto

Berlusconi depositate due liste civiche

Silvio deposita "Italia Pulita" e nasce "Altra Italia"

Berlusconi depositate due liste civiche

La novità è pronta. Le prime due liste civiche di cui tanto si è parlato per rinnovare l'immagine (e il nome) del Pdl sarebbero pronte.

Italia pulita - Sembra che Silvio Berlusconi abbia fatto depositare nell'ufficio marchi del ministero dello Sviluppo economico il nome di "Italia pulita". Non ancora una certezza, perché è solo uno dei nomi che piacciono in questi giorni, ma un modo per assicurarsi che non siano altri a poterlo usare. Un nome che fa l'occhiolino a tutti gli elettori che si aspettano un cambio, una svolta decisiva nella politica italiana. Un nome per dare nuove certezze a un elettorato stanco che non crede più nel sogno del Pdl. Ormai gli stessi dirigenti lo ammettono: se c'è una cosa che unisce ex An ed ex Fi è proprio questa. Ormai il sorpasso da parte del Movimento 5 stelle è in corso, se non è già arrivato.

Altra Italia - Nel frattempo Giorgio Stracquadanio, uno dei fedeli berlusconiani della primissima ora, ha fondato un'associazione che andrebbe nella direzione delle liste civiche e che ha chiamato "Altra Italia". Un nome che ricorda il vecchio e vincente Forza Italia, ma che vuole girare pagina. "Non è un nuovo gruppo parlamentare né una cosa contro il Pdl - spiega il parlamentare Pdl -. E' un pensatoio per mettere al centro del dibattito politico idee forti". Gli obiettivi sono chiari: abbattimento del debito pubblico, riduzione della spesa pubblica, taglio delle tasse sul lavoro e sulle imprese. Già in molti si sarebbero avvicinati al gruppo di Stracquadanio, ma per ora in pochi sono usciti allo scoperto: Giustina Destro, Roberto Antonione, Fabio Gava, Andrea Orsini, Mariella Bocciardo, Giuseppe Cossiga, Gaetano Pecorella e Daniele Galli.

Niente addii - La cosa è chiara è una: rinnovare senza distruggere. L'esperienza del Pdl sta fallendo, ma l'intenzione non è creare nuove fratture. Anche se in questi giorni è serrata la lotta intestina tra chi vorrebbe andare verso i centristi di Casini (e Montezemolo) e sostiene Monti e chi invece preferirebbe staccare la spina al governo dei tecnici. Prima di fare il prossimo passo Berlusconi e il segretario Angelino Alfano farebbero bene a risolvere questo aspetto. Perché è chiaro l'appoggio a Monti, ma i contrasti interni non fanno certo bene a un partito in difficoltà che cerca il rinnovamento.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • linhof

    07 Giugno 2012 - 14:02

    Quando Berlusconi disse agli italiani che toglieva l' ICI, tutti i miei amici, (ho 63 anni e considero amici quelli che conosco almeno da 50 anni) la quasi totalità sono tutt'ora comunisti, mica perchè ci credono ma solo perchè essere comunisti voleva dire, avere il sacco e sperare che la ragazzina, quella di 40 anni fa, gli si infilasse dentro, certo, si è fatta convincere subito, ora è una moglie rompiballe ma non si possono rimangiare tutto, dopo essere stati soverchiati dal bacino vorace della stessa che, a garanzia, gli ha scodellato qualche figlio, ora, più di prima sono costretti ad essere comunisti, tanto comunisti fino al punto di dire che l' ICI era una tassa giusta e le tasse si dovevano pagare, ora le tasse le devono pagare e senza poter contestare, sono preoccupati, si perchè sono sempre comunisti ma hanno case di grande metratura, in zona centrale, e qualche casetta per le vacanze qua e là (Toscana/Umbria/Sardegna) fanno i conti e sotto sotto sperano in Berlusconi.

    Report

    Rispondi

  • linhof

    07 Giugno 2012 - 14:02

    Il PDL è in allarme totale, l'appoggio allo sgangherato governo delle tasse allarma non poco i politici pidiellini, non capiscono, si consultano, lo chiamano ma lui è come una colonna granitica: SOSTENIAMO MONTI! però i politici che non brillano molto per intelligenza (se si esclude quella per farsi gli affari propri) continuano a sperare che faccia cadere Monti o per lo meno spieghi quale è la sua tattica, perchè una tattica c'è e loro lo sanno. Berlusconi, che di solito era generoso nella sua loquacità, che però gli ha causato solo problemi, questa volta non si fa fregare, ne da Casini, ne dal traditore fini (volutamente scritto minuscolo) e tira dritto per la sua strada, sorridente e sicuro che il futuro volgerà tutto a suo vantaggio.

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    06 Giugno 2012 - 18:06

    Hai uno strano senso della pulizia.Nel frattempo ,incomincia almeno a lavarti,così uno dei significati della parola pulizia ,avrà per te un significato.Per le altre varianti servirebbe un cervello che tu non hai,inutile consigliarti altro.

    Report

    Rispondi

  • UNGHIANERA

    06 Giugno 2012 - 17:05

    Dipende dal punto di vista,il babbeo per me è quello che ha voluto mandare a casa Silvio,e dopo ha persino brindato,per poi rimpiangerlo segretamente mentre il Financial-Times dice che Monti ha sbagliato tutto,mentre Draghi dice che Monti ha sbagliato tutto,mentre il culo di molti italiani grida che Monti ha sbagliato tutto...ora vedi da che parte sei tu e dopo valuta tra me e te chi è il coglione!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog