Cerca

La Lega col governatore

Lombardia, bocciata la mozione di sfiducia a Formigoni

In Consiglio Regionale 49 i no e 28 i sì: il governatore nell'occhio del ciclone per la vicenda delle vacanze che gli avrebbe pagato Daccò
Roberto Formigoni

E' stata bocciata dal Consiglio Regionale della Lombardia la mozione di sfiducia nei confronti del presidente, Roberto Formigoni: 49 i no, 28 i sì. Decisivo il voto della Lega Nord, che ha votato contro; a favore del documento si sono espressi Pd, Sel, Idv e Udc. Formigoni è finito nell'occhio del ciclone per la vicenda delle vacanze che gli sarebbero state pagate dal faccendiere Pierangelo Daccò, persona vicina agli ambienti di Comunione e Liberazione. La votazione è avvenuta con voto palese, e quando è stato proclamato il risultato, dai banchi della maggioranza di Pdl e Lega e da quelli della giunta è scattato un lungo applauso.

La difesa del governatore - Prima del voto Formigoni aveva spiegato di non voler lasciare perché "quello che ci viene contestato non corrisponde a verità". Nel corso della discussione sulla mozione di sfiducia nei suoi confronti ha aggiunto: "Ci sono state inchieste su giornali e televisioni, tonnellate di articoli che avrebbero abbattuto tonnellate di bufali, ma ho resistito perché quello che ci viene contestato non corrisponde a verità". All'estero, ha ricordato Formigoni, altri politici si erano dimessi "perché avevano riconosciuto giuste le contestazioni che gli erano state rivolte". E ancora: "Nessun atto illegale è stato compiuto in Regione Lombardia".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • GMTubini

    07 Giugno 2012 - 18:06

    Resta dopo le tonnellate di fango che gli hanno riversato addosso? Tanto rumore per nulla!

    Report

    Rispondi

  • gioch

    07 Giugno 2012 - 13:01

    L.Gaffuri va in Grecia perchè la moglie lo costringe e così il primo firmatario della mozione di sfiducia a Formigoni non vota.Gaffuri,padre-padroncino del PD comasco,recente vincitore,grazie agli imbelli-incapaci centrodestri,delle amministrative a Como(Lucini Sindaco),di fronte ad un importante appuntamento in Regione,permette alla moglie di imporgli la latitanza."Cherchez la femme"! ma che politico,ragazzi.

    Report

    Rispondi

  • iltrota

    06 Giugno 2012 - 20:08

    Ma che strano: quei buffoni della Lega avevano appena ieri sollecitato Formikazzo ad andarsene ( o qualcosa di simile...quando parlano non si capisce mai cosa stiano dicendo). E oggi lo appoggiano, i rinnovatori, quelli che sono stati al governo senza accorgersene!! Coglionazzi!

    Report

    Rispondi

  • doveteandarvene

    06 Giugno 2012 - 20:08

    fino a quando questi buffoni non assaporeranno la galera questa nazione sarà sempre un totale fallimento...con il risultato che ormai ci portiamo dietro da 20 anni....bravi fateli stare fuori...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog