Cerca

La rivincita

Alessia fa la De Filippi
Condurrà Amici Junior

Alessia Marcuzzi

L'undicesima edizione di Amici è appena terminata e c'è già chi pensa alla prossima stagione, specialmente da quando Maria De Filippi ha lasciato intendere di voler creare uno spin-off del fortunato talent show interamente dedicato ai più piccoli. 

Amici Kids o Amici Junior, questi potrebbero essere i titoli del programma che, secondo voci di corridoio potrebbe essere affidato ad Alessia Marcuzzi, altro volto storico di Mediaset, che proprio mercoledì 13 registrerà una puntata pilota del nuovo format. Per la Marcuzzi, al momento impegnata all'edizione italiana di Extreme Makeover Home Edition Italia, si tratterebbe di una sorta di rivincita dopo l'edizione non molto fortunata del suo Grande Fratello. 

Questa volta la storica conduttrice del GF dovrà vedersela con ragazzini tra gli otto e i nove anni, divisi nelle categorie Danza e Canto. Il talent show junior potrebbe debuttare già ad ottobre anche se, in autunno, è prevista anche la nuova edizione di Io canto di Gerry Scotti.

Leggi l'articolo integrale su Libero in edicola oggi, venerdì 8 giugno

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nicolix

    08 Giugno 2012 - 17:05

    cioe': la marcuzzi che va' ad amici fa' notizia ed i tre pescherecci sequetrati dai libici fanno silenzio assoluto?

    Report

    Rispondi

  • sig.nessuno

    08 Giugno 2012 - 13:01

    Mediaset non ha proprio voglia di innovazione eh? Ma se il target di Amici è composto da ragazzine in piena crisi adolescenziale da sbalzo di ormoni che pensano di potersi riconoscere nei protagonisti pieni di problemi fasulli, quale sarà il target di amici jr? Le nonne che vivono lontane dai nipotini?

    Report

    Rispondi

  • Francocap70

    08 Giugno 2012 - 11:11

    Qualcuno impedisca a questi criminali di fare programmi del genere: i bambini, a quell'età, devono andare a scuola, giocare all'aria aperta e sviluppare i propri talenti al di fuori di queste logiche di mercato e che mirano allo sfruttamento dell'immagine dei piccoli. Mediaset, se dovesse fare una cosa del genere, si pone sull'orlo di un baratro etico senza precedenti, veicolando messaggi perversi e demolendo quell'ultimo bastione della purezza e della sincerità che è il mondo simbolico del bambino. Il mondo della televisione ha ormai perso ogni freno inibitorio e quello che mi spaventa che sono le stesse famiglie a portare i propri figli verso questa orrenda visione del mondo! Per favore, smettetela e lasciate stare i piccoli! Già è deprimente vederli scimmiottare gli adulti in programmi demenziali come "io canto" o " ti lascio una canzone", per favore, non rendetevi complici di questa aberrazione etica!

    Report

    Rispondi

blog