Cerca

l'europa pronta ad esplodere

Vecchio Continente sta per morire
"Euro, meno di tre mesi di vita"

Il numero uno del Fmi, Christine Lagarde, suona l'allarme in un'intervista alla Cnn: "Restano meno di 90 giorni per salvare la moneta unica"

La prima pagina del Sole 24 Ore

Di tempo per salvare il Vecchio Continente e l'euro ne è rimasto poco. Siamo agli sgoccioli. E oggi, martedì 12 giugno, sono due gli appelli - uno europeo, uno italiano - che hanno fatto maggior rumore. Il primo è quello di Christine Lagarde, il direttore del Fondo Monteraio internazionale, che intervistata dalla Cnn non usa giri di parole: "Ci sono meno di tre mesi per salvare l'euro". L'altro è quello del quotidiano di Confindustria, Il Sole 24 Ore, che si rivolge direttamente ad Angela Merkel (come fece lo scorso novembre con Silvio Berlusconi e il titolo cubitale "Fate preso"). Il concetto è il medesimo: "Schnell, Frau Merkel". Ovvero, Angela fai in fretta ad abbandonare le tue convinzioni suicide, oppure saremo "kaput", tutti quanti.

"Meno di tre mesi" - Le parole che fanno più rumore e che più incidono sull'andamento dei mercati restano quelle della Lagarde. Che spiega: se saranno necessarie ulteriori misure per salvare l'euro, devono essere varate subito, "in meno di tre mesi". E l'uscita o meno di Atene dalla moneta unica, a questo punto, "è una questione di determinazione politica". Alla domanda se condividesse la previsione del finanziere George Soros, secondo il quale l'Europa ha solo tre mesi per salvare l'euro, dopo aver tentennato, il numero uno del Fmi ha risposto tranchant: tre mesi sono troppi, gli interventi vanno "presi più rapidamente, in meno di tre mesi, direi". Quindi la precisazione: "Non sto fissando un termine ultimo entro il quale tutta la situazione debba sbrogliarsi. I mercati ritengono che stia avvenendo troppo lentamente e questo è ovviamente il messaggio che mandano".

"Merkel? Donna coraggiosa" - Sui conti pubblici, Lagarde ha spiegato che vanno risanati "gradualmente e in modo fermo", ma questo non deve rappresentare "la stretta della cinghia di cui tutti stanno parlando", ha commentato a proposito del dibattito su crescita e austerity. L'erede di Dominque Strauss-Kahn non si è invece sbilanciata sulla possibile uscita di Atene dall'euro: "Sarà una questione di determinazione politica". Nell'intervista, Lagarde, ha definito la cancelliera tedesca Angela Merkel una "leader forte e una donna coraggiosa in un mondo dominato dagli uomini".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Liberopensatore1950

    13 Giugno 2012 - 07:07

    Alle ore 05.00, sintonizzata la tv, come in oggetto, docente Prof. Prodi, a parte lo "smanettamento marionettesco", pareva d'assistere alla parodia di se stesso. Non saprei dire che si possa rivedere ma, davvero, merita; a parte i tentennamenti e l'occhio stupito del bambino appena sveglio la mattina di Natale che vede i regali, ciò che merita ascoltare, sono i contenuti. Non ha fatto altro che ripetere quello che noi, sui vari giornali online, diciamo, anche contro di lui e, lui, ovviamente contro se stesso ma, ciò, è la prova che il poveretto è inconsapevole di ciò che afferma e di ciò che fece. Ora, gli EuroBond, sono una invenzione sua e del Prof. Quadrio Curzio, ma non ci aveva pensato qualcun'altro? Comunque, meno ci imparentiamo, dico io,ovvero non ci vincoliamo troppo, meglio è. Ad ogni buon conto, qualunque di Loro Commentatori, potrebbe fare docenza in luogo di Prodi, per maggiore capacità analitica delle situazioni in fieri e di quelle in prospettiva.

    Report

    Rispondi

  • luannam

    13 Giugno 2012 - 06:06

    L'Europa,così come ultimamente concepita, non è mai esistita e mai esisterà; sarebbe stato preferibile non scimmmiottare, nel furore della globalizzazione modelli che non sono perseguibili. Forse conservare sistemi di produzione nazionali ci avrebbe esposto meno alla derisione.

    Report

    Rispondi

  • beatles14

    13 Giugno 2012 - 01:01

    i commentini della Lagarde..questa befana sta preparando lo spauracchio per permettere ai suoi complici di stangarci ancora a dovere. Ma a proposito i patrioti i difensori della democrazia glioraesempreresistenza in saeculasaeculorumamen, i popoli viola et affini davanti a questa palese dittatura REALE hanno niente da dire o da fare? Neanche un girotondino? Trinariciuti pagliacci!

    Report

    Rispondi

  • voghera51

    12 Giugno 2012 - 21:09

    forse ha dimenticato o non si ricorda bene quando lei era ministro francese responsabile con la germania dello stato attuale dell'euro.se siamo ridotti in questo modo è grazie a loro. e ai 4 coglioni della sinistracattolica e non che ci ha governato. vedi mortadella e banda

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog