Cerca

Scienza

Ecco Rosita, la prima mucca clonata che produce latte umano

Nel suo Dna inseriti due geni umani

L'animale è il sorprendente risultato della ricerca di un gruppo di ricercatori argentini dell'università di San Martin
Rosita

Dopo oltre due mesi di prove e tentativi, Rosita, la mucca clonata un anno fa da scienziati argentini, ha cominciato a produrre latte simile a quello umano. Lo hanno reso noto in un comunicato i ricercatori dell'Università Nazionale di San Martin e dell'Istituto Nazionale di Tecnologia Agrozootecnica, precisando che lo straordinario risultato è da attribuire ai due geni umani che producono la lattoferrina e la lisozima inseriti nel Dna dell'animale.
I media locali specificano che Rosità è il primo bovino "doppiamente transgenico" del mondo. "Non si punta a sostituire il legame madre-figlio durante l'allattamento, ma che tale latte è destinato ai neonati che, per i più diversi motivi, non hanno accesso a quello delle madri". Così il ricercatore German Kaiser, del gruppo di biotecnologia della riproduzione dell'Istituto Nazionale di Tecnologia Agrozootecnica, ha dichiarato in merito ai risultati della ricerca.

Argentina

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • boss1

    boss1

    12 Giugno 2012 - 17:05

    per me non è naturale però la scienza per fortuna va avanti.

    Report

    Rispondi

blog

Attilio Barbieri
sds

sds

di Attilio Barbieri