Cerca

Dal giornalismo alla politica

Alfano a Feltri: "Candidati"
Lui: "Politica, roba da straccioni"

L'investitura del segretario del Pdl al fondatore di Libero: "Partecipa alle primarie". Lui: "Guadagno 700mila euro, pochi i 200mila dell'indennità"

Ma Feltri lascia aperta la porta: "Aspetto una proposta, meglio la politica che stare con i nipotini o spingere il carrello al mercato"
Alfano a Feltri: "Candidati"
Lui: "Politica, roba da straccioni"

Sarà stata la lunga intervista che Libero gli ha dedicato oggi, venerdì 15 giugno. O l'esito del sondaggio che da ieri è in corso sul nostro sito internet, www.liberoquotidiano.it, secondo il quale una candidatura di Vittorio Feltri alle primarie del Pdl è gradita al 73% dei partecipanti (4.600 alle 14 di oggi). Fatto sta che questa mattina, il segretario del Pdl Angelino Alfano ha alzato la cornetta (insomma, digitato sulla tastiera del telefonino) e chiamato il fondatore di Libero (oggi editorialista de Il Giornale) per chiedergli ufficialmente di scendere in campo per le primarie del partito che si terranno il prossimo autunno, quando in palio ci sarà la candidatura a premier.

Alfano chiama Feltri - A riportare per primo la notizia di "Feltri alla primarie" era stato ieri il quotidiano online Lettera 43, che citava la deputata del pdl Melania Rizzoli e l'ex ministro Michela Vittoria Brambilla come sue sponsor. Il Direttore era dapprima sceso dalle nuvole, commentando "sarei il primo candidato a sua insaputa", ma nell'intervista concessa a Mattias Mainiero su Libero di oggi ha detto che "per accettare o rifiutare una candidatura c'è bisogno di ricevere l'offerta di candidatura", lasciando così aperta la porta: "Bisogna trovarsi candidato, per decidere" ha aggiunto. Ora, Feltri, candidato lo è ufficialmente: "Ho chiamato poco fa Vittorio Feltri per invogliarlo a scendere in campo e candidarsi alle primarie del Pdl e competere così a una grande gara" ha spiegato poco dopo mezzogiorno Alfano. Situazione curiosa: Angelino Alfano, candidato ufficiale del partito, che candida Feltri, cioè sceglie un avversario. O dobbiamo intendere che Alfano non intenda partecipare alla contesa d'autunno?

La risposta - Vittorio Feltri non ha perso tempo e nella sua replica non ha rinunciato alla sua arma preferita: la provocazione (o lo sfottò, vedete voi) alla casta.  "I parlamentari sono degli straccioni. Io guadagno 700mila euro l’anno, non posso rinunciare all’attuale reddito per andare a prendere quella straccia di indennità parlamentare. Non voglio campare, voglio vivere" ha detto a La Zanzara su Radio 24. Aggiungendo: "Piuttosto che andare a casa, o spingere il carrello della spesa al supermercato su ordine di mia moglie, andrei persino a fare il parlamentare. Anche solo per pigiare i bottoni, pur di non tornare a casa". E ancora: "Mi piacerebbe una dittatura con me al vertice. Sarebbe una dittatura molto illuminata. Potremmo fare qualcosa di buono, visto che i professori hanno solo aumentato il debito pubblico. E comunque, meglio dei professori avrebbero fatto anche i bidelli".

roma

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • curcal

    18 Giugno 2012 - 20:08

    desidero far presente a tanti criticoni, che Feltri non è un dipendente pubblico, pertanto tutto ciò che guada gna lo deve alla sua professionalità. E' un uomo in car ne osssa come tutti gli altri, che si offre nel libero mercato dell'editoria al migliore ingaggio contrattuale. Non è un fannullone burocrate statale che non può essere licenziato. Mi dispiacerebbe soltanto se non pagasse le corrispettive tasse.

    Report

    Rispondi

  • Al-dente

    16 Giugno 2012 - 01:01

    Da quel poco che ho capito di Feltri questa boutade inventata da Berlusconi gli deve aver fatto venire l'orticaria. Un gigione, comodoso e brontolone, peggio di una comare, come lui andare a fare il politico? Figuriamoci se alla sua età gli va di mettersi in simili ambasce! Forse da giovane l'avrebbe anche fatto ma adesso cosa si vuole che glie ne importi di tutti i balletti politici, che segue costantemente da giornalista? Immagino che li veda come un circo di pagliacci, è troppo signore per andare a infilarcisi.

    Report

    Rispondi

  • superagnostico

    16 Giugno 2012 - 00:12

    Nè tantomeno spero che Feltri smetta di fare il giornalista. Poi, dopo aver letto un po' di commenti - va bene che contano poco, ma sono pur sempre opinioni - mi è venuta la nostalgia di d'Alema,della sua puzza sotto il naso, della sua sprezzante ironia.Solo chi ha studiato ai seminari del PC infatti ha potuto far entrare nel suo dna il concetto del popolo bue che non ha mai contato niente,non ha mai capito niente e non ha mai determinato niente.Ho sperato che la scolarizzazione,l'esercizio della democrazia, la fine presunta delle ideologie avesse un po' alzato il livello intellettuale medio. Continuo a sperare, ma non ci posso credere.

    Report

    Rispondi

  • beatles14

    16 Giugno 2012 - 00:12

    nemmeno se candidaste Gesù (oppure solo in quel caso), figuriamoci se mi fa effetto la candidatura di Feltri!!! vada avanti a scrivere che è il suo mestiere. La sua candidatura non serve a niente.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog