Cerca

Emanuele Filiberto si candida

"Vado in Europa con l'Udc"

Emanuele Filiberto si candida
Il principe Emanuele Filiberto di Savoia andrà in Europa con l'Udc. Il vincitore dell'ultima edizione di 'Ballando con le stelle' si candiderà infatti nelle liste del partito di Pier Ferdinando Casini per le prossime Europee nella circoscrizione Nord Ovest. L'annuncio in una conferenza stampa alla Camera con il segretario dei centristi Lorenzo Cesa e Michele Vietti. Oggi, spiega Cesa, "presenteremo le liste complete per le Europee» e nella testa di lista per il Nord Ovest insieme a Magdi Cristiano Allam correrà, appunto, Emanuele Filiberto di Savoia. Dopo le voci dei giorni scorsi, non sarà candidato invece Vittorio Sgarbi". Cesa sottolinea l'intesa con Emanuele Filiberto sui valori, sulla difesa della famiglia, della vita e dell'identità cristiana dell'Europa. "Emanuele Filiberto - sottolinea il segretario - sarà una grande sorpresa della politica italiana ed europea, andrà in Europa a difendere le questioni che ci stanno a cuore".
Durante l'annuncio della sua candidatura, il rampollo di casa Savoia ha voluto sottolineare la sua ottima conoscenza dell'Europa, visti i suoi 31 anni di esilio: "Parlo cinque lingue, metà degli attuali capi di Stato li conosco personalmente e dell'altra metà sono parente". Quindi riserva una bacchettata agli altri membri della famiglia Savoia che non si sono stabiliti in Italia dopo la fine dell'esilio: "Non sanno cosa si perdono". Emanuele Filiberto si impegnerà in una campagna elettorale 'di strada': "Sarò la mattina nei caffè, il pomeriggio nei mercati e la sera nei luoghi di ritrovo dei giovani. Ma anche al passo con i tempi, con un sito internet e attraverso facebook". Un pensiero in più per il 'suo' Piemonte, al quale, ammette, è legato da "uno stretto rapporto affettivo e di radici". Quanto alle 'candidate veline' del Pdl, risponde: "Sulle scelte di Berlusconi decide lui, avrà un buon motivo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fonty

    fonty

    29 Aprile 2009 - 14:02

    Così risuonava il grido nelle trincee della prima guerra mondiale,quando andavano al massacro migliaia di giovani che neanche sapevano il perchè.Va beh,direte,questo però non c'entra,mica era lui,ma il suo bisnonno che è stato il fautore di tanta tragedia,così come l'altra nel '43 quando abbandonò il suo esercito al suo destino,scappando come un coniglio quando le cose si misero male,e pugnalando alla schiena l'alleato tedesco con cui fino al giorno prima aveva condiviso la sorte,dimenticando che tutti gli atti del governo fascista e anche la sua costituzione erano sempre stati da lui controfirmati,quindi accettati. Però il nome,quel nome e l'infamia rimane, finchè rimane il ricordo storico di quello che fu.Comunque auguri a Filiberto,non poteva che andare con Casini,dalle stella...alle stalle.

    Report

    Rispondi

  • kinowa

    28 Aprile 2009 - 19:07

    Caro principe, mi stavi diventando simpatico, ma per gettarti in politica è un po troppo presto e poi con l'UDC? Oddio, ti sei messo con quelli che stanno contemporaneamente col diavolo e l'acqua santa, un po come fece tuo nonno coi fascisti ed antifascisti (la storia si ripete).Ora il rischio dell'esilio non lo corri perché i nostri politici hanno la pancia troppo piena per fare la guerra, ma ti giochi quella credibilità guadagnata finora. RIPENSACI

    Report

    Rispondi

  • vestreno

    28 Aprile 2009 - 19:07

    Un paese allo sbando. Politici che sembrano guitti da avanspettacolo con un codazzo di portaborse pronti alla bisogna. Ora siamo arrivati alla gag finale. Prima le veline, ora il principe ballerino. Alle veline un corso di apprendimento politico appositamente organizzato, al principe non serve nulla. Ha già appreso tutto dagli show televisivi.

    Report

    Rispondi

  • nicola.guastamacchiatin.it

    28 Aprile 2009 - 19:07

    Il giovanotto è simpatico,modesto e volenteroso di poter dimostrare che,al di là del casato,egli cè e vuole vivere come tutti gli altri giovani cittadini italiani. Ci sono opinionisti che gridano allo scandalo ma,dopo che come deputati nel governo europeo ci sono andati un Santoro ed altri come lui appartenenti alle diverse aree politiche,solo per guadagnare dei soldi,impropri, e non dare nessun contributo fattivo,che volete che sia se ci va un giovane che,invece,vuol fare qualcozsa per noi italiani ? -Non si preoccupi nessuno perchè anche Emanuele ha capito che governare questo Paese è un'impresa titanica e tutto sommato,gli conviene coltivarsi questa benemerita Costituzione che ha permesso,sin'ora a milioni di nullafacenti di gozzovigliare alle spalle di un popolo lavoratore e buono e lasciare questa pacchia per altre avventure,non conviene a nessuno e in special modo a bravo Filiberto.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog