Cerca

Le consultazioni

Data, regole e partecipanti
Il Pdl litiga sulle primarie

Data, regole e partecipanti
Il Pdl litiga sulle primarie

 

Il Pdl ha deciso di ricorrere alle primarie. Ieri a via dell’Umiltà si è riunito il tavolo delle regole, quello deputato a decidere i criteri di partecipazione e svolgimento e subito sono emersi i problemi. Primo: la data. Secondo il metodo: saranno primarie  «vere» e «aperte», lo chiedono i Formattatori e lo dicono i dirigenti azzurri, ma quanto aperte? Il primo argine è sui candidati “stranieri”. Terzo: le firme. Per essere accolta, una candidatura alle primarie pidielline, deve essere corredata da un tot di sottoscrizioni. Quante? Il numero di mille, inizialmente ipotizzato, sembra un’asticella troppo bassa e alla portata di troppi aspiranti, finirebbe per essere un casino.

Leggi l'articolo integrale su Libero, in edicola oggi, martedì 19 giugno, oppure acquista l'edizione digitale

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • peroperi

    19 Giugno 2012 - 21:09

    Mario Sechi il direttore del Tempo è persona liberale, informata, preparata, capace ed intelligente. Ci pensino al pdl perche' mandare i soliti è certamente la catastrofe. (per loro)

    Report

    Rispondi

  • alrom

    19 Giugno 2012 - 19:07

    ma questi signori non hanno ancora capito che con questo modo di fare nessuno li caca più ?

    Report

    Rispondi

  • stucchevole

    19 Giugno 2012 - 17:05

    Votare di nuovo questi imbecilli vuol dire essere più imbecille. Ma cosa vogliono,dopo aver avuto la maggioranza nel paese e non hanno fatto nulla,ma proprio nulla queste teste di ladro.

    Report

    Rispondi

  • dubhe2003

    19 Giugno 2012 - 16:04

    ...la china dopo il clamoroso fallimento!! Ancora peggio per l'opposizione,che non avendo le redini in mano,(responsabilità di governo),doveva vincere a piene mani,visto che anelava tanto alle elezioni...Invece ha nascosto all'elettorato proprio,il terrore di accollarsi un governo che ha contrastato solo perchè non apriva i cordoni della borsa,invece di parlare del pericolo euro in una Ue gaglioffamente fatta sin dall'origine.Si trovano ora supini a M.M.,dimostrando così di aver tradito gli elettori,in maniera truffaldina.Grillo gli ha portato via il...giocattolo ed allora non resta loro che continuare a rodersi dentro,non avendo più pettegolezzi a cui rincorrere,baruffando fra di loro.Doppimente dei falliti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog