Cerca

L'iniziativa

Monti, non aumentare l'Iva:
così uccidi l'Italia

"Col ritocco all'insù ci rubate 38 miliardi". L'appello di Libero: "Non lo fare". Sottoscrivilo all'email noiva@liberoquotidiano.it

Con la nuova stangata i consumi crollerebbero. L'allarme di Coldiretti: solo sulle spese alimentari stangata da 1 miliardo
Mario Monti

L'appello di Libero: "Non aumentare l'Iva"

"Una «Caporetto» annunciata. Il fantasma autunnale di un eventuale aumento di 2 punti dell’Iva (dal 21 al 23%, dopo il rincaro di 1 punto del settembre scorso), fa gridare i commercianti. È un appello, una supplica, un monito. Il presidente della Confcommercio, Carlo Sangalli, baricentra la consueta relazione annuale della Confederazione sul futuro prossimo, anche perché il passato e l’oggi già sono abbastanza cupi", spiega Antonio Castro su Libero in edicola oggi. Sangalli spiega che il Pil procapite ha fatto un balzo indietro di 15 anni, e che i consumi delle famiglie si sono allineati a quelli del 1998. Alzare l'Iva? "Sarebbe la Caporetto delle famiglie, delle imprese, del lavoro". Con il ritocco all'insù dell'imposta i minori consumi reali potrebbero calare di circa 38 miliardi di euro. E se Palazzo Chigi non trova 7 miliardi nei prossimi tre mesi grazie ai risparmi di spesa la stangata sarà inevitabile.

L'appello - Così il direttore di Libero, Maurizio Belpietro, rivolge un appello al presidente del Consiglio, Mario Monti: "Ascolti i rappresentanti delle imprese a cui diamo voce. Alzando la pressione fiscale non si risanano i conti, come dimostrano le entrate della benzina in calo nonostatne le stangate". L'intento di Libero, prosegue il direttore, " è quello di evitare che si ripeta dunque l’errore compiuto con i carburanti. Non è aumentando le tasse che si risanano i conti, semmai lo scopo lo si raggiunge diminuendole. Dunque caro Monti, a nome delle categorie economiche la scongiuriamo: non alzi l’Iva, piuttosto alzi un po’ l’asticella del buon senso. In cambio, io e i colleghi di Libero, Benny compreso, le promettiamo un occhio di riguardo: invece di una vignetta in cui lei è sdraiato a pelle di leopardo di fronte alla Merkel, la ritrarremo in piedi, a petto in fuori, magari mentre con la voce fievole che la contraddistingue grida: «Forza Italia». Senza nessuna allusione al Cavaliere, s’intende".

 

Le adesioni - Carlo Sangalli, presidente di Confcommercio; Sergio Marini, presidente di Coldiretti; Roberto Snaidero, presidente di Federlegno; Mario Resca, presidente di Confimprese; Marco Venturi, presidente di Confesercenti; Andrea Tomat, presidente di Confindustria Veneto; Filippo Ferrua Magliani, presidente di Federalimentari; Claudio Siciliotti, presidente del Consiglio nazionale dei dottori commercialisti; Mario Guidi, presidente di Confagricoltura; Luigi Bordoni, presidente di Centromarca; Giuseppe Politi, presidente Cia; Gaetano Stella; presidente di Confprofessioni. Partecipa anche tu e firma il nostro appello rivolto a Mario Monti: "Non alzare l'Iva, altrimenti uccidi l'Italia". Puoi prendere pare all'iniziativa spendendo la tua adesione all'inidirzzo email noiva@liberoquotidiano.it

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pallinzi

    23 Giugno 2012 - 00:12

    Qualcuno gli dica che negli USA l'IVA non c'è. Forse alla Bocconi non lo sanno.

    Report

    Rispondi

  • Renatino-DePedis

    22 Giugno 2012 - 19:07

    concordo nuovamente. purtroppo per noi e per tutta l'italia, l'ometto ha ancora tanti estimatori........incomprensibilmente. uno statista (?) che si auto definì il migliore degli ultimi 150 anni e che continua a sparare cavolate per vedere l'effetto che fanno...... non che il resto della politica italiana sia molto meglio, solo un poco meglio....

    Report

    Rispondi

  • Renatino-DePedis

    22 Giugno 2012 - 19:07

    non concordo minimamente sul governo tecnico. penso che ci sia per una semplice ragione: l'incompetenza dei nostri politici. dare tutte le colpe a loro dopo anni di malapolitica è sciocco. la mia è una opinione. per ora hanno dovuto cercare di non farci fallire dopo anni di un governo che veramente non ha fatto un cazzo, un governo che diceva che tutto andava bene.....concordo con la seconda parte, quella riguardante le spese. ma non bastano quelle da sole. anche le riforme ci vogliono e mi sembra che ne la destra ne la sinistra sia in grado di farle. pure questo governo, che non ha il problema di rendere conto a i proprio elettori, tentenna e fortemente a farle.

    Report

    Rispondi

  • elenasofia

    elenasofia

    22 Giugno 2012 - 18:06

    Leggo: "noi...viviamo in uno stato che ormai ha perso ogni prospettiva di diritto da quando si è voluto mettere sotto scacco la magistratura" no, ha perso ogn ipreospettiva di diritto da quando la magistratura ha messo sotto scacco la politica (e il mondo del lavoro) -

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog