Cerca

L'appunto

Facci: In 20 anni, da Forza Italia a Forca Italia

L'arresto di Lusi è una barbarie e anche il Pdl garantista ha tradito

Facci: In 20 anni, da Forza Italia a Forca Italia

Il carcere preventivo è una barbarie. Chi ha votato per l’arresto di Lusi è un barbaro che ha pensato di assecondare un popolo di barbari. La gente che plaude all’arresto di Lusi - senza conoscere mezza carta - è pure barbara, ma perlomeno non siede in Parlamento. Il quale doveva solo stabilire se l’arresto fosse necessario per la prosecuzione delle indagini, se rispondesse ai requisiti per cui era stato chiesto: in caso contrario la formula è quella del fumus persecutionis. Basta, fine, è tutto quello che c’era da fare, non c’era da prestabilire uno status di innocenza o di colpevolezza che spetta solamente a un processo, e solamente dopo il quale - solamente dopo, dopo, dopo - nei paesi civili si può finire in galera. Lusi, in un anno di indagini, non è mai scappato, non poteva inquinare le prove, non poteva ripetere il reato: e in Parlamento lo sapevano tutti. E noi sapevamo da una vita, invece, che il garantismo del Pd celava un cinismo forcaiolo: ma speravamo nel Pdl, ci illudevamo che anni di garantismo familiare avessero fatto crescere la consapevolezza in coloro che ora brancolano nel loro declino. Invece niente, il garantismo lo fanno coi sondaggi. Sono stati eletti per carità di dio, hanno svenduto la sovranità a un ragioniere d’alto bordo, hanno messo in saccoccia i finanziamenti e vanno in tv a scusarsi di tutto: è un’agonia, uno spavento senza fine.

di Filippo Facci

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • doblone

    23 Giugno 2012 - 08:08

    Lusi deve stare in galera finchè non dice i nomi di chi finanziava con quei soldi. I ricchi hanno sempre schiere di cavalier serventi.....per i poveracci la forca.

    Report

    Rispondi

  • rossini1904

    23 Giugno 2012 - 07:07

    Caro Facci, ho ascoltato attentamente il dibattito al Senato che ha preceduto il voto favorevole all'arresto di Lusi. Tutti gli intervenuti sono stati d'accordo nel ritenere che mancavano i presupposti per la custodia cautelare in carcere (pericolo di fuga, di reiterazione del reato, di inquinamento probatorio). Significativo l'intervento del Sen. Li Gotti (IDV) il quale ha spietatamente demolito l'ordinanza di custodia cautelare del GIP. Ma se così è, bastava questo per ritenere esistente il fumus persecutionis. Sia chiaro che, quando un giudice pretende, in assenza di presupposti, di mettere in galera un cittadino che, secondo Costituzione, si deve presumere innocente fino a passaggio in giudicato della sentenza definitiva, esiste sempre il fumus persecutionis. E se questo vale per tutti i comuni cittadini a maggior ragione deve valere per i cittadini eletti a ricoprire la carica di Deputato o Senatore.

    Report

    Rispondi

  • toroinfuriato

    22 Giugno 2012 - 19:07

    Carissimo hai veramente ragione! sarebbe utile, per conoscere la verità, anche qualche giro di ruota, frustate e tutti gli efficaci strumenti che utilizzavano i Tribunali della Sacra Rota con ottimi risultati vista la frequenza delle confessioni. Confessioni assolutamente credibili poiché l'inquisito non colpevole avrebbe ottenuto dalla fede la forza di resistere. E' veramente stupefacente quello accade con i patrimoni dei partiti: uno si appropria in modo a dir poco strano di una casa donata al partito, un altro ci mantiene la famiglia e pochi intimi, un altro ancora si fa fregare i soldi dal tesoriere. Quando lo informano: casca dalla nuvole come "Biancaneve". Mi volete spiegare che Paese è questo? Ci vuole uno scienziato per capire che uno che si fa fregare i soldi del partito o è fesso o è colluso? delle due una, ma in tutti i casi deve andare a casa perchè non ha i requisiti minimi per aspirare ad amministrare neanche i soldi della bocciofila. Questo vale per tutte queste serpi

    Report

    Rispondi

  • toroinfuriato

    22 Giugno 2012 - 19:07

    Al termine dei vari gradi di giudizio un condannato deve andare in galera per espiare e per essere recuperato dalla Società Civile. Quando ci si trova di fronte a gravi delitti e in certi casi è previsto l'uso della carcerazione preventiva. Mi viene da sorridere quando i giudici mettono in galera preventivamente qualche povero disgraziato e il compagno terrorista scrittore di gialli se la spassa in Brasile dopo essersela spassata in Francia e non lo rimandano in Italia perchè nel nostro Paese la "GIUSTIZIA" lascia a deisiderare. FORSE HANNO RAGIONE.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog