Cerca

Scenario

Elezioni in vista in autunno
Perfino Monti vuole le urne

Da SuperMario ad Abc, tutti negano ma vogliono staccare la spina

Elezioni in vista in autunno
Perfino Monti vuole le urne

M&Abc, vale a dire Mario Monti, Angelino Alfano, Pier Luigi Bersani e Pier Ferdinando Casini hanno in comune una sola cosa: non sanno come arrivare alla prossima primavera. Le elezioni a ottobre le vuole Monti, che si rende conto di guidare un esecutivo già logorato dalla difficilissima condizione in cui ha operato e dal tragico errore di non avere approfittato dei primi tre mesi, quando era intoccabile. Le vuole Bersani, che lo ha fatto dire prima a Fassina e le vuole perché potrebbe vincerle e le vincerebbe con questo sistema elettorale. Le vuole Casini, che da gran democristiano dice e giura il contrario, ma opera in tal senso. Casini sa bene che l’alleanza con il Pd la fa se si vota subito, perché se si perde tempo il Pd si spappola con le primarie, premiando un estremista o consegnandosi a Matteo Renzi, che non ha bisogno di allearsi con i democristiani, essendolo a sua volta. E le vuole anche Berlusconi, per due ragioni: a- tanto il tempo che passa non porta fortuna; b- l’attuale sistema premia il primo arrivato, ma salva il secondo e non consente una maggioranza al Senato, quindi resta spazio per contare.

Leggi l'articolo di Davide Giacalone su Libero di oggi martedì 26 giugno 2012

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • enio rossi

    26 Giugno 2012 - 14:02

    Come al solito ci hanno preso per il culo, con la collaborazione dei media di sinistra che rendono contenti gli imbecilli. L' unico obiettivo di Napo era allontanare il Berlusca. Ci hanno bloccato le pensioni e messo tasse sulla prima casa,con l'aoppoggio dei sindacati, ora, non riuscendo a fare altro, scappano.......Possibile che gli italiani siano così pirla???

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    26 Giugno 2012 - 13:01

    Primo: Bersani non vuole le elezioni perché ogni giorno che passa il PDL scende vistosamente; basta attendere che Larussa faccia il suo patito e altrettanto Scajola; poi- alla vista di tutto cio' - la Lega non é piu' partner (sminuito peraltro ) del PDL. E le impopolarfità dei sacrifici é ,egliol che siano di Monti e non del PD. Secondo: Casini sta guadagnando...Libero stesso afferma che é pronto il vecchio centrosinistra... I partitini minori non contano.

    Report

    Rispondi

  • arch

    26 Giugno 2012 - 11:11

    sapeva solo tassare, forse non saremmo in questa recessione e se lo fossimo lo saremmo grazie (si fa per dire) a un governo eletto dal popolo e non dalla casta e dalle banche. Ma non è mai troppo tardi, anche se il nostro destino sarà comunque quello di fallire perchè nessuno mai taglierà nè le spese nè gli sprechi.

    Report

    Rispondi

blog