Cerca

Editoria

Il Manifesto dimezzato resiste
Ma la sinistra invade l'edicola

La storica testata trova un accordo al Ministero del Lavoro, ma in autunno arrivano Telese e Sansonetti

Il Manifesto dimezzato resiste
Ma la sinistra invade l'edicola

Si salva Il Manifesto, la testata storica di sinistra: è stato raggiunto un accordo al Ministero del Lavoro che prevede, come spiega il Fatto, una ripartenza del giornale comunista con 36 dipendenti tra giornalisti e poligrafici mentre i 34 rimananti faranno cassa integrazione a rotazione. "Ci abbiamo sempre creduto, abbiamo ogni giorno lavorato per raggiungere questo risultato ieri abbiamo firmato, dimezzati ma vivi". Il quotidiano diretto da Norma Rangeri si salva anche se in autunno dovrà confrontarsi con la concorrenza "amica": molti nuovi quotidiani di sinistra arriveranno in edicola. Da Pubbilco di Luca Telese, a Paese (che richiama la storica testata Paese Sera) un tabloid di sedici pagine diretto da Piero Sansonetti e distruibuito con alcune testate del Sud che, sempre secondo quanto scrive il Fatto, ha sfilato il sistema editoriale a Telese.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allianz

    29 Giugno 2012 - 09:09

    Quante copie vende questa testata?Chi la compra oltre ai militanti?

    Report

    Rispondi

  • gioch

    27 Giugno 2012 - 16:04

    commentato in mattinata.blu 521 è da un po' che la roba non è buona?

    Report

    Rispondi

  • blu521

    27 Giugno 2012 - 14:02

    E' il pdl che diventa un movimento clandestino

    Report

    Rispondi

blog