Cerca

Truffa Vip
9 anni al Madoff dei Parioli

Truffa Vip
9 anni al Madoff dei Parioli

 

Era stato soprannominato "Il Madoff dei Parioli", per aver truffato 1.680 risparmiatori della 'Roma bene' (ma solo trecento hanno poi sporto denuncia), tra i quali alcuni vip. Ora per il consulente finanziario Gianfranco Lande è arrivata la condanna da parte del Tribunale di Roma a nove anni di reclusione ed esclusione perpetua dai pubblici uffici.

Condanne - Il pubblico ministero Luca Tescaroli nella sua requisitoria aveva richiesto una condanna di dodici anni e otto mesi di reclusione e 24mila euro di multa, dopo che lo stesso Lande lo scorso 30 maggio era già stato condannato a quattro anni e sei mesi di carcere in un altro processo con rito abbreviato per la bancarotta della società Egp Francia, della quale era presidente. Il cosiddetto Madoff dei Parioli si trovava in carcere già dal 24 marzo del 2011. Il consulente finanziario deve ora rispondere anche del fallimento da 21 milioni di euro di un'altra società (Dharma).

La storia - Lande era accusato di associazione a delinquere finalizzata alla bancarotta, esercizio abusivo della professione e ostacolo agli organi di vigilanza. L'uomo aveva coinvolto nella truffa altre quattro persone: la sua compagna Raffaella Raspi, Roberto Torregiani, Andrea Raspi, Giampiero Castellacci de Villanova. Il gruppo era riuscito a intascarsi oltre 170 milioni di euro, ingannando tutti i risparmiatori che gli avevano messo in mano i propri soldi. Tra questi molti vip, come Sabina Guzzanti e suo padre Paolo, Massimo Ranieri, David Riondino, Samantha De Grenet e i due fratelli Carlo ed Enrico Vanzina.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dbell56

    29 Giugno 2012 - 09:09

    Perla di saggezza il proverbio: la farina del diavolo va in crusca!

    Report

    Rispondi

  • mab

    29 Giugno 2012 - 09:09

    Se effettivamente colpevole, anzichè probabili personaggi facoltosi potevano esserci poveracci che magari hanno risparmiato una vita per poi vedere tutto in fumo a causa dei troppi delinquenti lasciati operare senza adeguati controlli.

    Report

    Rispondi

  • umberto2312

    29 Giugno 2012 - 08:08

    Se solo 300 su quasi 1400 truffati ha sporto denuncia, potrebbe significare che i soldi affidati al"barba"non erano pienamente leciti o almeno dichiarati.

    Report

    Rispondi

blog