Cerca

Le magie della casta

Le dimissioni di Lombardo
regalano 20 poltrone ai partiti

L'addio anticipato del governatore manda a monte l'iter per ridurre da 90 a 70 i posti nel consiglio regionale siciliano

Raffaele Lombardo

 

 I siciliani andranno a votare anticipatamente, alla fine di ottobre, secondo quanto promette il presidente della regione, Raffaele Lombardo, che ha annunciato le proprie dimissioni proprio in questi giorni, per la fine di giugno. È questione di ore. Non so se manterrà la parola, so che votare anticipatamente è contro gli interessi della Sicilia e dei siciliani. Lombardo dice che separare le elezioni siciliane da quelle dell’Italia intera serve a evitare che le alleanze sicule cozzino con quelle italiche. Già solo questo giustifica la più dura opposizione a tale disegno: basta con l’idea che le faccende isolane abbiano qualche cosa di speciale, di particolare, di non assimilabile al resto. Anche perché quando questo capita, e capita troppo spesso, significa che la loro qualità è men che infima. La verità è che interrompendo anticipatamente la legislatura Lombardo regala ai partiti venti posti in più di consigliere regionale, visto che il procedimento legislativo per ridurli da 90 a 70 è in corso e che, in questo modo, abortirebbe.

Leggi l'articolo integrale di Davide Giacalone su Libero in edicola oggi 30 giugno

 

palermo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cam66

    01 Luglio 2012 - 17:05

    Ha fatto bene il presidente della regione sicilia a dimettersi così ha salvato dei bei posti di lavoro(lavoro????) che altrimenti sarebbero stati disoccupati in piu'.Grazie ancora

    Report

    Rispondi

  • honhil

    30 Giugno 2012 - 16:04

    Il Presidente della Regione Sicilia Lombardo, l’aspirante Cincinnato di Grammichele, coppola in testa, si appresta a fare l’agricoltore. Pazienza per l’agricoltura. Se tratterà i campi e le colture con lo stesso disimpegno che ha messo nella politica, i suoi compaesani ne vedranno delle belle. Perché se è vero che la sperimentazione è la madre di ogni successo è anche vero che la sperimentazione libertina quasi sempre regala mostri transemici. La Regione Siciliana che si lascia alle spalle ne è un esempio lampante. Termiti insaziabili i suoi centurioni.

    Report

    Rispondi

  • Satanasso

    30 Giugno 2012 - 12:12

    Se Lombardo fosse stato a capo di una Regione del Texas per la sua incapacita' e ruberia,sarebbe stato mandato a Guantanamo...Evidentemente se lo Stato Italiano non fa nulla a chi speca e dilapida i soldi pubblici,un motivo ci sara'...CAPISCIAMME' !

    Report

    Rispondi

  • giospi

    30 Giugno 2012 - 12:12

    IN SICILIA SI Sà C'E' LA MAFIA, (ANCHE SE QUALCHE SINDACO FA VOLUTAMENTE FINTA DI NON ACCORGERSENE) E QUUETO SALVATAGGIO ALLA REGIONE SICILIANA NEE' LA PIU' ALTA ESPRESSIONE. PURTROPPO ABBIAMO UN GOVERNO CHE PENSA SOLO ALLE BANCHE ED E' MIOPE SU QUELLO CHE SUCCEDE ATTORNO AD ESSO E IN PARTICOLARE IN SICILIA E AL COMUNE DI PALERMO. VERGOGNA PRESIDENTE MONTI E VERGOGNA ANCHE AI SUOI MINISTRI TUTTI.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog