Cerca

Dichiarazioni folli

Il delirio di Monsignor Gemma:
"Gli indemoniati come i down"

Il prelato ed esorcista ha paragonato i ragazzi handicappati al demonio: "Sono mostri che aggrediscono e graffiano"

Ospite di Vade Retro su Tv2000, il prelato ed esorcista ha paragonato le movenze degli "indemoniati" a quelle dei ragazzi affetti dalla sindrome di Down. Genitori in rivolta.
Monsignor Gemma

"Mi sono imbattuto in un adolescente posseduto dal demonio. Era simile a un down, quindi non capiva e faceva gesti inconsulti“. Queste le agghiaccianti parole di monsignor Andrea Gemma, vescovo emerito di Isernia e noto esorcista, pronunciate durante la trasmissione Vade Retro, in onda su Tv2000, il canale tv ufficiale della Conferenza episcopale italiana. Il surreale discorso del religioso era indirizzato a tutti coloro che, affidandosi alla scienza, non credono all’esistenza del demonio. Dopo aver definito "ignorante" un divulgatore scientifico canadese, il "pacato" monsignor Gemma ha dato sfogo alle sue teorie con lo scioccante monologo su demonio e ragazzi down: “Queste persone sono completamente nell’ignoranza!”. Voi conoscete quei bambini che chiamiamo "psicolabili" o "disabili", no? Quando il ragazzo è stato ridotto dal demonio in quello stato, è diventato un altro. E’ diventato un boxeur, un mostro che addentava e graffiava”.

Guarda il video su Libero Tv

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Il_Presidente

    03 Luglio 2012 - 16:04

    bisogna vedere cos'ha detto... poi magari a chiunque può sfuggire una gaffe, una frase formulata male. Credo che non volesse dire quanto si afferma nell'articolo. E invece sempre pronti a spalare fango sulla Chiesa e sui suoi rappresentanti.

    Report

    Rispondi

  • GMTubini

    03 Luglio 2012 - 14:02

    Fondamentalmente siamo d'accordo, c'è però un retroscena che ti voglio rammentare: la Chiesa si trova ogni giorno a combattere con gli abortisti nazistoidi che designano la vita indegna d'esser vissuta sulla base dei costi sanitari. In Toscana la prima cosa che viene proposta ad una donna incinta è l'esame della rilucenza nucale che serve ad almanaccare se nel nascituro vi sia una probabilità da superenalotto della presenza della sindrome di down. Tale esame fallacissimo prelude poi alla più invasiva amniocentesi, che causa morte e malformazioni nell'1% dei casi (chi si siederebbe sulla poltrona di un dentista sapendo di avere l'1% di probabilità di non rialzarsi?), e che, per di più, dà il 5% di errore (sono numerosi i casi di figli sani abortiti per timore della sindrome di down). In sostanza tali esami servono per scegliere di abortire nel caso che ci sia una probabilità che il figlio sia down, ecco perché, secondo me, il monsignore ha sbagliato esempio.

    Report

    Rispondi

  • Megas Alexandros

    03 Luglio 2012 - 10:10

    se coloro che continuano ad offendere Mons. Gemma siano muniti di un cervello o più semplicemente di MANI e ORECCHIE per cliccare sul video e ascoltare le REALI parole del Vescovo. Siete solo delle povere bestie che attaccano in preda ad istinti animali una persona prima di accertarsi se effettivamente abbia o meno detto quello per cui la criticate o peggio la insultate, sbeffeggiandola e mettendola ingiustamente alla berlina mediatica!!! Gente come quella che commentato, avvallando una EVIDENTE menzogna di Libero, mi disgusta e mi suscita paura. Questa è la riprova di quanto sia facile condannare una persona ingiustamente , mentendo rispetto alla realtà dei fatti, con la speranza che qualche becero idiota si accodi e condivida la vostra ipocrita e fasulla indignazione!!!

    Report

    Rispondi

  • amb43

    03 Luglio 2012 - 09:09

    questo prelato straparla: subito un TSO ! non esistoni gli indemoniati, e i down vanno protetti ed amati .

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog