Cerca

Celentano

Il Molleggiato cede al nemico: show su Mediaset

Due serate all'Arena di Verona trasmesse da Canale 5. Pier Silvio Berlusconi: "Celentano è Celentano...". Previsto uno share del 28%

Adriano Celentano

 

In fondo, "Celentano è Celentano", parola di Pier Silvio Berlusconi. E pazienza se sembra la reclame del noto Festival sanremese, della concorrenza: qui siamo in casa Mediaset ed è qui che il Molleggiato sta arrivando: due serate all’Arena di Verona, che saranno trasmesse da Canale 5. Il direttore generale contenuti Mediaset, Alessandro Salem, annuncia che sarà "uno spettacolo che racconta la storia musicale di Celentano", ma ciò che importa è quello che accade "per la prima volta" in uno show del Molleggiato: "Quattro break pubblicitari in ogni singola serata" che l’azienda di Cologno Monzese è pronta a vendere con la stima di 7,5 milioni di spettatori "almeno", per uno share del 27-28%.

Elogio del Molleggiato - Per una volta, insomma, anche a Mediaset si guarda ai numeri assoluti, rinunciando per un paio di serate a scremare il dato sulla base dello spaccato ritenuto il vero Eldorado pubblicitario, vale a dire il target commerciale compreso tra i 15 e i 34 anni. Intanto perché, stando a quanto spiegato dal vice presidente di Mediaset, Pier Silvio Berlusconi, dall’alto dei suoi 74 anni, Celentano resta un personaggio "assolutamente trasversale", poi perché ha "talmente tanto appeal che, nonostante il momento del mercato pubblicitario, è già al break even". Niente 'conti della servetta', dunque, con il Molleggiato sullo schermo: "facciamo tv commerciale - ha fatto notare Berlusconi - che si concentra sulla vendita tv. Non è vero che non ci interessa un pubblico adulto, abbiamo una rete dedicata al mondo femminile adulto e molti altri programmi. E poi, Celentano, se è forte, è forte. Ci sono pochi personaggi così in Italia che sappiano accendere una luce. E’ una cosa che ci dà orgoglio". Nel corso della serata, sono trapelati anche dettagli sull'accordo: intanto, è stata una trattativa rapida e l’iniziativa è stata dell’azienda di Cologno Monzese: "l'abbiamo cercato noi - ha detto Berlusconi - e abbiamo fatto in fretta a chiudere l’accordo. Si tratta di un contratto semplicissimo".

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ciannosecco

    02 Ottobre 2012 - 23:11

    Infatti,ti posso confermare che non è stato devoluto, all'associazione destinataria del lascito, nessun denaro.Ma nn lo ha fatto solo lui,pure Benigni.

    Report

    Rispondi

  • OIGRESINOR

    04 Luglio 2012 - 00:12

    e' ovvio... Mica e' scemo...

    Report

    Rispondi

  • maverick100

    03 Luglio 2012 - 23:11

    Ma se celentano è un ipocrita comunista perche' berlusconi gli offre i soldi di mediaset? Perche' silvio è un benefattore? Ma che fa? aiuta i comunisti? Veramente da smellicarsi i commenti pieni di astio verso uno dei piu' grandi artisti italiani di sempre

    Report

    Rispondi

  • sparviero

    03 Luglio 2012 - 22:10

    Per entrambi. Che pena....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog