Cerca

Il giallo di Avetrana

"Sarah strangolata con una cintura"
Valentina Misseri accusa zio Michele

Il referto del medico legale all'udienza del processo. La cuginetta della vittima accusa il padre

Valentina Misseri scagiona la madre e la sorella e avvalora l'accusa contro lo zio di Sarah, Michele Misseri
Valentina Misseri

È cominciata la diciannovesima udienza del processo in Corte di Assise a Taranto per l'omicidio di Sarah Scazzi, avvenuto il 26 agosto del 2010 ad Avetrana. Per primo ha deposto il medico legale Luigi Strada,  incaricato dalla Procura: secondo quanto ha dichiarato, Sarah sarebbe stata strangolata con una cintura. Il professor Strada ha spiegato che escluderebbe altre armi del delitto, come una corda, perché incompatibili coi segni larghi sul collo della quindicenne. Inoltre il medico ha visionato con la commissione il video che mostra Michele Misseri, zio di Sarah e principale imputato del delitto, che davanti agli inquirenti, poco dopo il suo arresto il 7 ottobre del 2010, simula l’omicidio della giovane. Nel corso della simulazione, Misseri, posto alle spalle della finta vittima, le avvolge per due volte un foulard attorno al collo iniziando dalla nuca e solo la terza volta inizia dalla parte anteriore. Secondo Strada “nel reperto non risulta un doppio giro” e facendo il gesto come nelle prime due simulazioni “ci sarebbe stato bisogno di più tempo”: in sostanza Misseri avrebbe sbagliato il gesto per due volte, facendo sorgere dubbi sulla sua effettiva colpevolezza.

La cuginetta accusa zio Michè – Oggi in aula ha testimoniato anche Valentina Misseri, sorella minore di Sabrina Misseri e figlia di Michele e Cosima Serrano. Madre e sorella sono detenute con le accuse di concorso in omicidio volontario, sequestro di persona e soppressione di cadavere. Velentina si è detta convinta della colpevolezza paterna:  “Sono convinta che mio padre ha ucciso Sarah, purtroppo”. Incalzata dal legale della sorella rispetto al fatto che a un certo momento ha accusato Sabrina e poi ha ritrattato la ritrattazione, Valentina ha detto che la prima volta che aveva accusato Sabrina, aveva preso dei farmaci. E poi non ricordava niente se non che qualcuno le ha dato dei panini. Sarebbe stato l’avvocato Galoppa, l’ex difensore d’ufficio  di Michele Misseri, a “suggerire di accusare Sabrina”. Poi ha cambiato versione quando ha cominciato a  vedere la tv e ha conosciuto quello che riportavano i giornali e “quello che diceva Galoppa che parlava delle pressioni mie e di mia madre”.

"Pensavmo l'avessero rapita" - Scagiona invece le donne della famiglia: "Sabrina si arrabbiava se Sarah aveva atteggiamenti troppo affettuosi nei confronti di Ivano Russo in pubblico, ma solo perché voleva proteggerla e non perché era gelosa. La gente è maligna e certi atteggiamenti potevano essere equivocati". Valentina Misseri ha detto inoltre che anche lei, quando seppe della scomparsa di Sarah, pensò che potesse essere stata rapita. E ha anche in famiglia si facevano congetture:  “Sì, in famiglia parlavamo delle piste sulla scomparsa di Sarah. In particolare ne prendevamo due in considerazione: quella straniera e quella di San Pancrazio salentino. Mia zia Concetta (madre di Sarah ndr) aveva sospetti su suo  marito Giacomo. Lui in carcere c'era stato. Qualcuno per ripicca o vendetta poteva aver rapito la figlia a San Pancrazio”, ha detto Valentina. Ora in calendario sono previste altre importanti testimonianze: quella della commessa del fioraio, Vanessa Cerra, e di suo marito Giovanni Cucci.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ciannosecco

    04 Luglio 2012 - 22:10

    Da un'attenta lettura dell'articolo si evince che chi ha dato questo parere è un perito nominato dalla Procura.In italiano vuol dire che il professionista è stato incaricato per avvalorare le tesi dei pm.Questo spiega benissimo perchè dopo aver sequestrato corde e funi da casa Misseri, e risultate incompatibili,si sono rifugiati sulle cinture.I periti sono affidabili solo se sono lasciati liberi di fare il loro lavoro,come per esempio ,quando sono nominati dal Tribunale.Se fanno una perizia non gtadita dalla Procura,hanno finito di campare.

    Report

    Rispondi

  • emilioq

    04 Luglio 2012 - 11:11

    Che schifo di famiglia! Questa Valentina poi che getta discredito sulla povera Sarah ancora più schifosa. Ma l'oscar dello schifo lo si deve alla cosidetta giustizia che non sa ancora dove andare a parare. Finirà come tutti gli altri processi insoluti, andati a p.......ne senza colpevoli!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • sorpasso

    04 Luglio 2012 - 10:10

    Solo ora scoprono che è stata uccisa con una cintura:fino ad oggi allora cosa hanno fatto? Qualcosa non mi torna....

    Report

    Rispondi

  • vin43

    04 Luglio 2012 - 09:09

    Da una telecronaca da Avetrana, a giugno dello scorso anno, Michele Misseri entrando nella stanza di Sabrina diceva: “Questa è la stanza di Sabrina, ci sono tutte le sue cose che aveva, perché lavorava in casa come estetista”. Penso che quel fatidico giorno, Sara una volta entrata nello «studio» di Sabrina sarà stata convinta a sedersi sulla sedia davanti allo specchio per provare, forse che so, un prodotto nuovo. Con semplicità e ingenuità Sara, si siede. Sabrina invece di appoggiarle sul dorso il grembiulino, che si usa in questi casi, gliel’avrà attorcigliato al collo, strangolandola. Ecco la non corrispondenza delle numerose cinture sequestrate.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog