Cerca

Possibile alleanza Fli-Pd

Fini strizza l'occhio a Bersani
Tutti i futuristi lo scaricano

Anche Gianfranco è pronto a lanciare la corsa di Pier verso Palazzo Chigi. Ma nel suo partito è l'unico a pensarla così

Il presidente della Camera pronto a sostenere il segretario democratico a patto che la prossima sia "una legislatura costituente"
Bersani e Fini

Visti da Benny

Gianfranco Fini è pronto a lanciare la corsa di Pierluigi Bersani a Palazzo Chigi. A patto che la prossima sia una legislatura costituente. Con un governo sostenuto dalle forze che appoggiano il governo di Mario Monti. L’ideale sarebbe la ricandidatura dello stesso Professore. Ma se Monti non sarà disponibile, può andare anche Bersani. Con una coalizione senza il Pdl. O una parte di esso: quelli che il presidente della Camera considera i più “responsabili”, da Franco Frattini a Beppe Pisanu. Questo ha lasciato intendere (senza dirlo esplicitamente) l’ex leader di An all’Assemblea nazionale di Fli di sabato scorso, suscitando il malumore dei destrorsi duri e puri. La svolta a sinistra di Fini non è stata presa per niente bene, tra gli altri, da Roberto Menia, Carmelo Briguglio, Gianfranco Paglia, Donato Lamorte, Carmine Patarino. E anche Fabio Granata, che in passato era stato protagonista di sterzate a sinistra, non è apparso convinto. Così, di fronte all’alleanza politica con Bersani, qualcuno potrebbe andarsene. Perché un conto è sostenere insieme Monti, un altro è presentarsi con la sinistra di fronte agli elettori. Molto ambiguo, invece, Italo Bocchino, che da una parte sembra seguire Fini e dall’altra ha ripreso a tessere la sua tela con gli ex An del Pdl, a cominciare da Ignazio La Russa. Poi c’è la pattuglia di fedelissimi, che sostengono Fini nell’apertura a Bersani: Benedetto Della Vedova, Flavia Perina, Enzo Raisi. Unica condizione di Fini è l’esclusione dall’alleanza di tutti i partiti che non sostengono Monti. Quindi Sel e Idv sono tagliati fuori. «Sarà difficile vedere sullo stesso palco in campagna elettorale Vendola e Bersani», ha detto il presidente della Camera all’Assemblea. A conferma che la condizione di Fini a Bersani è proprio la rottura con Sel. E naturalmente viene escluso anche Grillo. «Bene Bersani a prendere le distanze da Beppe Grillo», dice il finiano Deodato Scanderebech. 

Il problema è che ancora non si capisce se Fli continuerà a vivere oppure no. Viste le percentuali tra il 2 e il 3 per cento, alcuni nel partito sono convinti dello scioglimento in autunno. «Che senso ha tenere in vita un partito che non riesce a decollare dal punto di vista elettorale? Il giudizio su di noi l’hanno già espresso gli elettori e ci hanno bocciato», osserva un senatore futurista. Ma non tutti sono d’accordo. «Fli continua perché scioglierla non avrebbe alcun senso. Poi è da vedere se si presenterà con il proprio simbolo alle elezioni oppure se confluiremo in una creatura più vasta», spiega Giorgio Conte. 

Certo, il clima che si respirava all’Assemblea nazionale non era dei migliori. La grande onda emozionale di Mirabello è ormai un pallido ricordo. E molti finiani sono usciti dall’appuntamento totalmente depressi. Specialmente perché, visti i sondaggi, la maggior parte di loro è destinata a non essere rieletta. E ormai non possono nemmeno riciclarsi in altri lidi, come hanno fatto per tempo Adolfo Urso e Andrea Ronchi. E qualcuno si è sfogato. «A seguire Fini ci abbiamo solo rimesso», afferma un deputato, «e dal prossimo anno dovremo tutti cercarci un altro lavoro. Se poi ci mettiamo alla ruota di Bersani, allora sarà davvero la fine». 

di Gianluca Roselli

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • abbassoiservisciocchi

    06 Luglio 2012 - 14:02

    Ma c'è ancora chi crede alle cazzate di questo giornaletto ridicolo???? ahahahahaha!!!

    Report

    Rispondi

  • lepanto1571

    05 Luglio 2012 - 13:01

    Mi ha telefonato il caro Fini da Montecarlo e mi ha detto che se vuole sopravvivere deve diventare lecchino di Bersanov.

    Report

    Rispondi

  • alfredido1

    05 Luglio 2012 - 13:01

    Mi piacerebbe che qualcuno quantificasse il costo sostenuto dagli Italiani ,nell'ultimo trentennio, per Fini. Il nostro eroe,buona persona in fondo, sonnecchia negli agi del Parlamento da decenni imbottito di privilegi che gli hanno strappato i giovanile stimoli ed ideali. Quindi va bene tutto pur di rimanere nel burro : destra,centro,sinistra. Rimane l'invidia di tutti quegli Italiani che invece hanno dovuto lavorare per tutta la vita, vedendosi poi ridurre le pensioni e super tassare per sanare i debiti creati da questa pletora di ignavi ,peraltro incapaci (parlano i fatti) ma costosissimi.

    Report

    Rispondi

  • roberto19

    roberto19

    05 Luglio 2012 - 13:01

    Ma lui si difende : è solo un fastidioso orzaiolo !

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog