Cerca

Moderato entusiasmo

Il Pdl si riscopre liberale: ritorna Forza Taglia

Il segretario Alfano guida l'ala del partito favorevole alla spending review di Monti. Anche perché c'è un lato positivo...

L'attenzione di Angelino è tutta per un possibile risvolto a favore in vista delle elezioni del 2013: ecco quale
Silvio Berlusconi e Angelino Alfano

 

Mentre il Cav rimugina sul nome da dare alla sua prossima creatura, zitto zitto nel Pdl si fa strada il partito di «forza spending». Sono quelli che il governo Monti  è cosa buona e giusta, soprattutto perché fa rinascere in noi quelli che eravamo. Il combinato disposto tra liberalismo di ritorno ed elogio della responsabilità, fa germogliare nel Pdl una corrente animata da chi trova più giusto sposare la linea montiana del rigore. 

A guidare i neolib di via dell’Umiltà è il segretario del Pdl, Angelino Alfano, che cavalca l’onda per uscire dall’angolo in cui lo ha ficcato Silvio Berlusconi, sempre meno propenso a cedergli il testimone. Si spiega così il paradosso che oggi fa di Alfano uno dei supporter più convinti del governo. «Sugli sprechi e sulla spesa pubblica improduttiva, occorre agire con coraggio», proclama. «Naturalmente, vigileremo per  evitare sbilanciamenti e squilibri, ma la strada di fondo è giusta. Da mesi diciamo: meno spesa, meno debito, meno tasse. Solo una politica di tagli efficaci, accompagnata da una strategia strutturale di attacco al debito, può portarci credibilmente a quello che perseguiamo con determinazione, e cioè l’avvio di una riduzione della  pressione fiscale e intanto il non aumento delle tasse». Corre a dargli manforte Mariastella Gelmini, esponente di spicco del cerchio magico alfaniano. «Fa bene la Lega a rimettere al centro dell’agenda politica la questione del Nord, che soffre ora di più la recessione perché qui è il cuore industriale del Paese, la vita è più cara, da qui deriva una quota rilevante del gettito fiscale. Proprio queste considerazioni», spiega l’ex ministra «hanno condotto il Pdl, in opposizione alla scelta della Lega, a presidiare e incalzare le scelte del governo Monti che, soprattutto con la spending review, disegnano un nuovo profilo della spesa pubblica imponendo tagli e risparmi non più rinviabili». 

Si registra un filogovernismo montante nelle diverse frange di un Pdl che ricomincia a dare segni di vita. «Il governo Monti vada avanti e il Parlamento presenti solo proposte migliorative», sprona la deputata Isabella Bertolini, che addirittura invoca «ulteriori tagli». E rispolvera il vecchio verbo forzista contro «la difesa ad oltranza delle corporazioni, della spesa e dello spreco» che «non devono trovare ascolto nelle forze politiche responsabili. La macchina pubblica in tutte le sue articolazioni è pletorica, costosa e non risponde alle attuali esigenze del Paese. Per il Pdl la revisione della spesa, la riduzione degli organismi pubblici e degli sprechi dovrebbe essere il core business del partito che si definisce liberaldemocratico. Lasciamo alla sinistra la difesa dei privilegi delle varie caste che pesano sulle tasche di tutti gli italiani». Si associa il vicecapogruppo del Pdl alla Camera, Osvaldo Napoli: «Credo che la spending review sia necessaria al Paese, era già nel programma del governo Berlusconi. Monti deve andare avanti e non deve guardare la politica». All’enormemente di centrodestra in favore del governo dei tecnici si unisce anche l’ex An Alfredo Mantovano: «Da anni si parlava della necessità di una razionalizzazione delle risorse e delle energie delle istituzioni centrali e territoriali. Oggi i provvedimenti del governo Monti la fanno».

di Barbara Romano

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • vin43

    07 Luglio 2012 - 20:08

    Sono quelli che pur non avendo né diritti né requisiti percepiscono vantaggi e prestazioni nel sociale. Vedi invalidi fasulli, remunerazioni illecite, pensioni se non proprio d’oro, d’argento. E che dire di tanti dipendenti pubblici che vanno in “Ufficio” sapendo di non fare assolutamente nulla? E’ colpa dei dirigenti, ci ricordano! Per loro non ci sono licenziamenti. NO. Come si manterrebbe il sindacato, diminuendo le deleghe? Un voto in meno di uno di loro, si hanno 10 di quelli che vogliono chiarezza. Sì. Forza a tagliare i rami rinsecchiti.

    Report

    Rispondi

  • frank-rm

    07 Luglio 2012 - 14:02

    Libero attacca Monti su tutti i fronti. Poi se il PdL afferma che i tagli dell'ultimo DL sono giusti, Libero concorda. Ma una linea politica vera l'avete?

    Report

    Rispondi

  • blu521

    07 Luglio 2012 - 14:02

    L'incoraggiamento a Monti mi sembra fuori luogo e di dubbio gusto. Forza gnocca è tutt'un'altra cosa.

    Report

    Rispondi

  • Graziella Saieva

    07 Luglio 2012 - 12:12

    pIù CHE FORZA TAGLIA , preferirei FORZA ITALIA O FORZA SILVIO. Ma sembra che da questo oreccchio il Cavaliere per ora ci senta poco. Se la sua strategia è quella di far morire il PD friggendolo col suo stesso olio, non solo è rischioso, ma i risultati non saranno cosi imponenti. Meglio che Berlusconi riprenda in mano la situazione , torni a guidare il Centrodestra in modo attivo e visibile e molti dei gravi problemi che ci affliggono spariranno.

    Report

    Rispondi

blog