Cerca

La ricetta del governatore

Anche Draghi boccia Monti:
"Più tagli e meno tasse"

Il numero uno dell'Eurotower: "Ok la spending review, ma è necessario osare di più. In Italia pressione fiscale insostenibile"
Mario Draghi

 

Mario Draghi, a pochi minuti dall'inizio dell'Eurogruppo di Bruxelles, ha preso parola in un'audizione al parlamento Europeo. Il governatore della Bce ha spiegato che "Continuiamo a prevedere un'attività economica in ripresa graduale con uno slancio minimo". Il numero uno dell'Eurotower ha aggiunto: "Nel secondo trimestre si è registrato un indebolimento della crescita e un'incertezza maggiore". Anche in questa ottica ha aggiunto Draghi "è cruciale perseverare in riforme coraggiose e necessarie". Secondo il governatore dell'istituto di Francoforte, però "l'euro resterà e la zone euro compirà i passi necessarli per garantirlio". Secondo Draghi, infine, "non ci sono scorciatoie per creare una  unione monetaria solida e stabile", senza "muovere in avanti verso una condivisione di sovranità in materia di bilancio, finanziaria ed economica". 

"Più tagli e meno tase" - Sulla situazione italiana, Draghi ha sottolineato il suo apprezzamento per alcune delle riforme condotte finora dal governo italiano, inclusa la riforma del mercato del lavoro. Il presidente della Bce ha poi indicato che rispetto a novembre molti progressi sono stati fatti nel consolidamento dei conti e nelle riforme strutturali seppure ancora non se ne vedano i benefici. Draghi ha spiegato che i benefici non sono visibili anche perché le misure sono state applicate da poco e in alcuni casi devono ancora essere applicate dopo essere state approvate. Ma per monti non ci sono soltanto carezze, perché pur apprezzandole misure contenute nella spending review, il governatore spiega che è il momento di "riorientare il consolidamento verso un aumento dei tagli alla spesa e la riduzione della pressione fiscale". Il messaggio inviato a Monti è chiaro: sui tagli non è stato fatto abbastanza mentre le tasse, in Italia, sono da tempo a livelli non più sostenibili.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Angela70

    12 Luglio 2012 - 09:09

    ma quando non avremo piu' soldi per stare al passo con le tasse come faremo noi imprenditori?

    Report

    Rispondi

  • encol

    10 Luglio 2012 - 09:09

    LA CASALINGA DI VOGHERA AVREBBE FATTO MEGLIO E PIU' VELOCEMENTE bastava ascoltarla. E' così: delfino47 ha centrato il tema. Chiunque si trovi in difficoltà come primo intervento eviterà il superfluo (gli sprechi) e venderà i gioielli (gli immobili dello stato)solo dopo chiederà ai componenti della famiglia qualche spicciolo in più (le tasse).

    Report

    Rispondi

  • ragazz8

    09 Luglio 2012 - 22:10

    d'altronde dopo 20 anni di berlusconiano cicaleggiare cosa vi aspettate? Auguri veramente!!!

    Report

    Rispondi

  • gian60

    09 Luglio 2012 - 19:07

    Si profila all'orizzonte il momento di non ritorno: introiti sempre più risicati e tasse sproporzionate che diventeranno impagabili se si vuol sopravvivere. Per il nostro "iper-tecnico" è tutto OK. Sulla carta la sua teoria regge sempre ma non sò quanto reggeremo noi. Spero che prima o poi qualcuno gli spieghi la NOSTRA teoria, non di bocconiani ma di coloro che di bocconi han bisogno.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog