Cerca

In Russia

L'esecuzione di un cane in strada
Ringhia e morde: gli sparano

Dal web, l'incredibile video dell'uccisione di questo cane che, dopo aver azzannato due persone, viene colpito da una raffica di proiettili

Dopo numerosi tentativi, il cecchino riesce a fermare la furia dell'animale
L'esecuzione di un cane in strada
Ringhia e morde: gli sparano
Dalla Russia, il terribile video dell'esecuzione in diretta di questo cane che, prima di morire, semina il panico tra la folla, inseguendo e azzannando alcune persone. Dopo una lunga fuga e dopo aver schivato numerose pallottole, l'animale si accascia al suolo privo di vita.

Russia

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • oldcaesar

    13 Luglio 2012 - 15:03

    Sono ormai 70 anni che posseggo cani ed altri animali domestici, ed alla luce della mia piccola esperienza posso affermare che l'uccisione di un animale isolato è spesso evitabile o non così giustificata. Il mio miglior amico è un coordinatore ENPA. Ha risolto le situazioni più pericolose senza uccidere. Io stesso ho affrontato cani di grossa taglia semplicemente con gesti e parole, ed è sempre finito tutto nel migliore dei modi. Gli animali sono istintivi, ma se sai entrare in sintonia, sono meno pericolosi dell'uomo. Le cose cambiano quando sono in branco.

    Report

    Rispondi

  • cabass

    13 Luglio 2012 - 09:09

    Guardando solo le immagini verrebbe da pensare: "quel bastardo (nel vero senso del termine!) ha fatto la fine che si meritava!". Però sarei anche curioso di sapere perché era così furioso con quelle persone. Cosa gli avranno fatto, prima?! I cani sono incapaci di cattiveria gratuita verso l'uomo, al limite possono male interpretare, ma spesso hanno persin ragione...

    Report

    Rispondi

  • rossini1904

    13 Luglio 2012 - 08:08

    Non si capisce dove vuole andare a parare l'articolo. "Cecchino", "esecuzione in diretta", "l'animale si accascia al suolo privo di vita"! Signor giornalista, si svegli, non era un essere umano, non è stato un omicidio. Era un animale pericoloso per l'incolumità pubblica che aveva già azzannato alcune persone. E se avesse ammazzato un bambino? Non si giustificano i suoi toni melodrammatici volti a suscitare un ingiustificato sdegno contro i disumani esecutori della condanna a morte. È vero che lei "campa" scrivendo articoli e che si deve guadagnare la pagnotta ma perché farlo scrivendo fesserie?

    Report

    Rispondi

blog