Cerca

Lutto nel rock

Morto Jon Lordon: organo di Deep Purple e Smoke on the water

Il musicista scomparso a 71 anni per un tumore al pancreas. Fu l'autore dell'inno hard-rock per eccellenza, unì al meglio musica leggera e classica

Jon Lord

L'organo più famoso della storia del rock non suonerà più. Jon Lord, co-fondatore e tastierista dei Deep Purple è morto a Londra a 71 anni per un'embolia polmonare dopo una lunga lotta con un tumore al pancreas. Storico membro di una delle band di hard-rock più famose di sempre, Lord è passato al mito per aver composto uno dei brani simbolo degli Anni Settanta, Smoke on the water. In un epoca di musicisti rock dalla tecnica sublime (erano gli anni della psichedelia e del progressive, con gli Yes di Rick Wakeman e gli Emerson Lake & Palmer di Keith Emerson su tutti, guarda caso due tastieristi), Lord riuscì a coniugare blues, rock, proto-metal e musica classica. Un esempio perfetto del connubio arrivò già nel 1969 con lo sperimentale Concerto for Group & Orchestra, album registrato alla Royal Albert Hall da Deep Purple e Philharmonic Orchestra. Lord lasciò definitivamente il gruppo nel 2002 per dedicarsi alla classica.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Cervello-indipendente

    17 Luglio 2012 - 05:05

    ...si chiamava Jon Lord.

    Report

    Rispondi

  • allianz

    17 Luglio 2012 - 04:04

    Lo ricordo al concerto di Genova del 23 marzo 1973,proprio ai tempi di "Smoke in the water",con il vestito bianco e la giacca stile anni 70 e quel c***zo di inseparabile cappello a falde larghe dello stesso colore.Baffoni alla Frank Zappa e quel maledetto organo che prendeva,tanto per fare un po di scena,a coltellate.Mi spiace davvero.Morto per lo stesso bastardo male di Steve Jobbs..D'altronde se l'uomo scoprisse l'elisir della vita eterna....riscoprirebbe la "gioia" del suicidio.

    Report

    Rispondi

blog