Cerca

Minacce mafiose

Libero svergogna la Sicilia
Lombardo: "Ce la pagherete"

Il governatore non si dimette ancora e attacca: "Querelo LIbero e Il Giornale, hanno indotto Monti a scrivere la lettera. Gli faremo pagare tutto il male che ci hanno fatto"

Raffaella Lombardo

Raffaele Lombardo accerchiato non si difende ma attacca. Il governatore siciliano, a cui il premier Mario Monti ha chiesto le dimissioni immediate a causa dei conti in rosso della Regione, replica alle critiche piovutegli addosso. Non si dimette, almeno non subito, e non riferisce in consiglio regionale sulla situazione finanziaria della Regione. Troppo preoccupato di fare la voce grossa in conferenza stampa, davanti ai giornalisti. Dove ha lanciato almeno un paio di messaggi inquietanti. Avvertimenti pericolosi, dal vago sapore mafioso.

Messaggi a Libero - Innanzitutto, ai media colpevoli di aver puntato in dito sullo scandalo dell'amministrazione siciliana e, nel caso di Libero, delle altre regioni a statuto autonomo: "Ci tuteleremo in sede legale contro quella stampa, in particolare Il Giornale e Libero, che hanno scritto falsità e menzogne sul conto della Sicilia, parlando di  fallimento. Una campagna diffamatoria che arreca grave danno all’immagine della Sicilia. Faremo pagare a quei quotidiani, di chiara riconducibilità politica, tutto il male che hanno fatto a questa regione, creando quel clima che ha indotto Monti a scrivere la sua lettera". Bel titolo di merito, non c'è che dire, e un riconoscimento di potenza mediatica stupefacente. Come se le parole contassero più dei numeri - disastrosi - delle casse siciliane.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • franz1957

    19 Luglio 2012 - 23:11

    Se la Sicilia ha i conti a posto perchè il governo le ha dato 400 milioni di euro?

    Report

    Rispondi

  • allianz

    19 Luglio 2012 - 18:06

    Quando si affermano e si dicono cose concrete partono sempre le querele...Segno che la difesa a suon di querele è sempre quella perdente.Basta vedere quanti forestali,netturbini,e via dicendo hanno assunto.I nodi comunque vengono sempre al pettine.O li tagli o li sbrogli....

    Report

    Rispondi

  • raucher

    19 Luglio 2012 - 18:06

    La secessione? Magari!!!Non si illuda , chi troverebbero mai di altrettanto cretini da mantenerli?

    Report

    Rispondi

  • savj

    19 Luglio 2012 - 17:05

    osa ci si può aspettare da uno che pur di continuare a rubare ed a favorire i suoi amici a danno della Regione si è assoggettato a ribaltoni e piroette passando da una maggioranza all'altra? Se in Italia funzionasse davvero la Giustizia e certi PM, anzichè inventarsi processi che poi si rivelano dei flop politici, perseguissero i delinquenti, da un pezzo starebbero in galera lui ed i suoi accoliti che lo sostengono.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog