Cerca

Il nuovo Pdl

Berlusconi snobba gli ex An e punta tutto su Squinzi

Il Cav incontra La Russa e Gasparri ma ai suoi assicura: "Il ritorno al passato è inevitabile, se loro non ci stanno vadano per la loro strada". E cena con il capo di Confindustria
Silvio Berlusconi

Un menù ricco, quello del mercoledì, per Silvio Berlusconi. Un'agenda fittissima di incontri, vertici, faccia a faccia, colazioni, pranzi e cene: tutto per tessere il nuovo centrodestra, che sia Pdl o Forza Italia bis. Il Cavaliere ha iniziato con i leader della Lega Roberto Maroni e Roberto Calderoli per trovare l'intesa sulla legge elettorale. Quindi, nel pomeriggio, incontro con gli ex An Ignazio La Russa e Maurizio Gasparri per tastare il polso dei "rivoltosi". L'idea del prossimo candidato premier del centrodestra è quella che un "ritorno al passato sia inevitabile", con quale nome si vedrà. La Russa e Gasparri sono scettici, ma per ora si limitano alla manifestazione di piazza per chiedere le primarie. Un maldipancia, forte, che non porta ancora alla rottura. Anche perché i colonnelli sono in attesa di capire cosa sarà di Futuro e Libertà. "Se non ci stanno, vadano pure per la loro strada", ha detto stizzito i suoi Berlusconi a proposito di La Russa & Co. E considerando che Fini li ha (ri)mandati cortesemente a quel paese, per gli orfani di Alleanza Nazionale si preannuncia un'estate di tribolazioni e indecisioni.

"Asse con gli industriali" - Dopo un incontro con la depuata fedelissima Micaela Biancofiore (che qualcuno continua ad indicare come potenziale vice, anche se l'indicazione vorrebbe una "donna non politica"), è la cena a riservare il piatto forte: a Palazzo Grazioli si sono riuniti i fidati Gianni Letta e Fedele Confalonieri ma, soprattutto, l'ospite d'onore Giorgio Squinzi. "Dobbiamo riconquistare il blocco sociale degli imprenditori, grandi e piccoli", ha ribadito il Cav al presidente di Confindustria. L'idea, che preoccupa e non poco gli ex An, è che Berlusconi riavvicinandosi agli industriali prosegua, di fatto, la linea del governo Monti. Idea tutta da dimostrare, ma che mina sul nascere il progetto del nuovo centrodestra.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Al-dente

    20 Luglio 2012 - 02:02

    Adesso anche Berlusconi si diverte a tradire chi gli è stato fedele, sia pure stupidamente. Quelli di AN farebbero bene a crearsi un partito di destra vero e non il tradimento dei valori tradizionali della destra che hanno fatto finora per seguire Fini e poi Berlusconi. Tuttavia questi giochetti politici non risolvono il vero problema italiano di guida certa dell'Italia. Probabilmente Berlusconi punta tutto sul Presidenzialismo che, nonostante la fuoriuscita di voti, gli darebbe comunque la vittoria, non essendoci personaggi alla sua altezza come carisma e capacità di attrarre con i suoi vuoti spot. Anni fa avrei condiviso tale evenienza ma dopo avere visto il suo operato politico mi sono reso conto che Berlusconi non difende i valori tradizionali di centro e tanto meno di destra. La sua tendenza è radicale e socialista fin dove la cosa gli conviene come riccone, un pò come De Benedetti, Prodi e similari. L'unica cosa che li differenzia è la lotta per il potere, il resto sono balle.

    Report

    Rispondi

  • guidoboc

    19 Luglio 2012 - 21:09

    I tuoi scritti m'illuminano. Ma va' a letto e copriti, idiota.

    Report

    Rispondi

  • guidoboc

    19 Luglio 2012 - 21:09

    In questo blog c'e' molta liberta' , postano tutti i sinistri d'Italia. Benvenuto .

    Report

    Rispondi

  • delaluca

    19 Luglio 2012 - 19:07

    Il cavaliere di priapo ha dimostrato in 20 anni di carriera politica di essere un assoluto fallimento, non ha mantenuto una, dico una sola delle sue mille promesse, pensare che possa farlo adesso che ha bisogno di essere imboccato è da stupidi, gli unici che ormai credono ai suoi sproloqui sono i semi-vegetali come lui.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog